E’ partito nei giorni scorsi il nuovo portale della giustizia amministrativa. Dopo una lunga attesa, dunque, il nuovo dominio internet per tutti gli amministrativisti è finalmente online.

Lo scorso 26 novembre, si è verificato l’atteso switch-off sul precedente sito internet dei tribunali amministrativi, dopo alcuni mesi di sperimentazione che hanno coinvolto protagonisti, istituzioni e strutture delle aule amministrative del Paese.

Dunque, ora, Consiglio di Stato e Tribunali amministrativi regionali hanno trovato la nuova casa telematica all’indirizzo www.giustizia-amministrativa.it dove sono contenuti gli avvisi di maggiore importanza, gli aggiornamenti normativi e gli appuntamenti che interessano l’intera categoria di professionisti della giustizia amministrativa in Italia.


Al suo interno, poi, non mancano le indicazioni operative e contabili per tutti gli interessati, come le ultimissime in materia di contributo unificato.

Fondamentale, poi, la parte istituzionale con l’organigramma e le sezioni riservate a presidente, consiglio di presidenza, Segretariato generale, Consiglio di Stato, Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana, e i vari Tribunali amministrativi regionali.

Non manca, poi, un ambito riservato dal titolo “Il portale  dell’avvocato”, più qualche innovazione che apre la giustizia amministrativa ai canali più moderni, come il profilo YouTube, ma senza dimenticare il fondamento del diritto, con la disponibilità del Codice del processo amministrativo, in evidenza in homepage con gli ultimi aggiornamenti a novembre 2014.

Insomma, ora che il nuovo portale della giustizia amministrativa è finalmente online, ci si attende una maggiore rapidità di aggiornamento degli atti, delle normative, delle cariche, con tutte le istruzioni necessarie ai professionisti per svolgere la propria funzione di ingranaggi nel sistema dei processi amministrativi sempre disponibili per la consultazione.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteProvince: commissariata la democrazia
Articolo successivoFarmaci e alcool possono condizionare la guida dei veicoli

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here