Da giugno di quest’anno è scattato l’obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione, con conseguente necessità di adeguarsi da parte dei professionisti che lavorano con la PA.

 

EASYLEX, il software gestionale per studi legali disponibile sia per Mac che per Windows,  permette di adempiere a questo processo attraverso i seguenti passaggi:


*              Emissione della fattura in formato elettronico

*              Apposizione della firma digitale

*              Trasmissione della fattura alla PA tramite SdI (Sistema di Interscambio)

*              Conservazione della fattura in modalità sostitutiva: per adempiere a quest’ultimo punto, EASYLEX mette a disposizione di sistemi  esterni l’xml della fattura elettronica.
Se uno solo di questi passaggi viene a mancare, la fattura non è considerata elettronica a norma di legge.

 

Emissione della fattura

Attraverso il nuovo modulo “Fatturazione Elettronica” di EASYLEX , è possibile reperire e memorizzare all’interno del gestionale tutte le informazioni necessarie e obbligatorie ai fini della emissione, trasmissione e gestione della fattura elettronica. Alcune informazioni fondamentali sono:

*     Codice fiscale del trasmittente

*     Codice IPA(*) (Indice delle Pubbliche Amministrazioni) , ovvero il codice univoco dell’ufficio di riferimento, che i fornitori dovranno riportare obbligatoriamente

*     Codici CIG e CUP

*     altri dati.

Il modulo in oggetto prevede campi appositi per l’inserimento di queste informazioni aggiuntive.

Le fatture devono quindi essere trasformate in un file in formato XML (eXtensible Markup Language) non contenente macroistruzioni o codici eseguibili che possano modificare i dati in esse inseriti /rappresentati; il modulo “Fatturazione Elettronica” produce in automatico il file XML richiesto.

Oltre a questo, Il modulo introduce dei controlli formali per garantire che la fattura sia conforme a quanto richiesto per la trasmissione al Sistema di Interscambio, es. che il nome del file sia corretto, che la dimensione del file sia quella consentita, che il file non abbia subito modifiche successive all’apposizione della firma, che la firma stessa sia valida, che la fattura in questione non sia già stata trasmessa ed elaborata, ecc.

 

 

Le fasi successive all’elaborazione della fattura

Premesso che la normativa considera la possibilità di avvalersi di intermediari per gestire di tutti gli obblighi riguardanti la fatturazione elettronica, i clienti Easylex possono usufruire di un servizio particolare, il “Service web FatturaPA”, a cui demandare alcune fasi del processo, come l’invio e la conservazione sostitutiva. Quest’ultima fase, in particolare, richiede proprio l’utilizzo del servizio. Il collegamento con il “Service web FatturePA” è particolarmente agevole e semplificato: questo servizio gestisce passaggi importanti, che, se affrontati singolarmente, richiederebbero strumenti specifici o controlli difficili e onerosi a carico dell’utente.

 

Service Web per la Fatturazione Elettronica

Il “Service Web Fatture PA” è la soluzione Web che consente di trasformare in XML inviare e conservare le fatture elettroniche emesse nei confronti delle PA.
Il gestore del servizio si occupa di:

  • apporre la firma digitale;
  • inviare al SdI le fatture elettroniche;
  • gestire le notifiche restituite dal SdI;
  • garantire la Conservazione Sostitutiva a norma delle fatture elettroniche.

 

Ai fini della Conservazione Sostitutiva è necessario che i clienti istituiscano un sezionale IVA dedicato sia per motivi fiscali che per controllo sulla sequenzialità dei progressivi.

Tramite interfaccia, per l’utente è possibile ricercare e consultare lo stato delle fatture elettroniche emesse; visualizzare e modificare i propri dati anagrafici; visualizzare dati statistici e contatori utili per il controllo della propria posizione contrattuale; far accedere via web operatori a diversi livelli per consentire l’accreditamento, la gestione, il monitoraggio.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteLe fusioni semplificate
Articolo successivoScontrini fiscali e ricevute addio: la conferma del governo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here