Dove non arriva lo Stato, i cittadini – e i Tribunali – riescono ad arrangiarsi. Clamorosa sentenza, nei giorni scorsi, a Salerno: 42 professori e dipendenti scolastici della famigerata Quota 96, hanno vinto il ricorso contro la legge Fornero, ottenendo pensionamento con effetto immediato.

Si tratta di una pronuncia che riapre una questione mai risolta da parte dei vari governi succedutisi negli ultimi anni, che vede oltre quattromila persone obbligate a rimanere al lavoro nonostante il maturato diritto alla pensione.

La ragione ben nota è il mancato riconoscimento del diritto al ritiro per i dipendenti della scuola, insegnanti e amministrativi, che avessero maturato i requisiti vigenti prima della riforma delle pensioni al 31 agosto 2012. La previsione del governo, infatti, riguardava solo i lavoratori in regola al 31 dicembre 2011, dunque senza considerare come l’anno di lavoro tra i banchi si concluda al termine di quello scolastico.


Una svista madornale, che, ancora oggi, non ha trovato un rimedio sotto forma di legge, costringendo gli interessati a ulteriori, e non previsti, anni di lavoro.

La sentenza di Salerno

Ora, però, arriva una nuova, concreta speranza per i lavoratori della scuola privati del diritto all’assegno previdenziale: il giudice del lavoro del Tribunale campano, infatti, ha inflitto quello che è il colpo più duro alla legge sui pensionamenti voluta dal governo Monti nel lontano 2011 e, insieme, la vittoria più netta dei dimenticati da una riforma, ormai, sempre più traballante.

La sentenza è la numero 31595 emanata il 3 novembre scorso nei confronti di 42 ricorrenti, che hanno mosso giudizio contro la legge Fornero causa del prolungamento dei loro anni di lavoro.

Ciò che colpisce, poi, è l’effetto immediato della sentenza, che di fatto ripara in maniera urgente e per via giudiziaria una mancanza dei legislatori, che, malgrado i tentativi emersi per correggere l’errore, non è mai riuscito a imporre a forza di legge il diritto già maturato agli interessati.  Recita infatti la sentenza: “Per l’effetto accertato e dichiarato il diritto dei ricorrenti al collocamento in quiescenza alla data dell’1.9.2012”. Una disposizione che lascia adito a ben pochi dubbi, se non quelli che, da questo momento, aleggiano sulla stessa legge delle pensioni varata due anni fa.

A caldo, il commento di Manuela Ghizzoni, esponente del Pd che, in passato, ha firmato l’emendamento per mandare in pensione i Quota 96, poi respinto dal Parlamento per mancanza di coperture: “Una sentenza che ha ridato speranza, perché conferma la bontà delle ragioni che portiamo avanti dal gennaio 2012. Una sentenza che non può essere ignorata. Nel merito, il governo dovrà esprimersi e in questo caso, una interrogazione è invece utile e appropriata) perché non si può lasciare questa vicenda interamente nella mani dei tribunali”.

Vai allo speciale Quota 96

Vai allo speciale pensioni

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso magistratura 2015: ufficiale, il bando è in arrivo
Articolo successivoIl nuovo regime fiscale agevolato dal 2015 (1/2)

6 COMMENTI

  1. a oggi dovrei avere 41 anni di contributi. dico dovrei ho svolto in un ente pubblico ben 6 anni dii
    lavori socialmente utili , poi assunti nello stesso ente regionale, a dicembre compio’ 62 anni, potrei andare in pensione….. beffa non ci vengono riconosciuti i 6 lunghi anni di schiavitu’ senza nessun tipo di riconoscimento
    . vi sembra giusto

  2. Desidero esprimere un’opinione personale:
    Mi auguro che il Popolo si sveglia e di uscire dal letargo culturale.
    L’ Indifferenza gli fa un piacere alla politica.
    Gli elettori non devono votare piu le stesse persone o personaggi politici-attori che sono artisti della politica della televisione.

    Spegnere spesso la Televisione. Disinforma l’opinione Pubblica e la rende schiavi .

    gc

  3. Purtroppo oggi abbiamo solo pseudo politici che badano a conservare i loro privilegi e poco o per niente si preoccupano dei bisogni primari della povera gente

  4. non mi sembra che la legge di stabilità affronti le pensioni in particolare di quei 60enni che hanno perso il lavoro e nonostante i versamenti non possono andare in pensione e devono andare alla caritas perché non sanno come vivere pur avendo l’Inps i LORO soldi, ma li adopera per pagare le pensioni D’ORO hai tanti “ladri” stati al potere fino ad adesso!
    MA I DIRITTI DOVE SONO? ABBIAMO SOLO DOVERI? POVERA ITALIA CHE SCHIFO SEI DIVENTATA!

  5. Ma come si fa in uno “Stato di Diritto” doversi rivolgere ai tribunali, perché qualcuno
    dello stato ha detto che NON trattasi di DIRITTO ma di “LEGITTIMA ASPIRAZIONE !
    Mi auguro che per far riconoscere un diritto,calpestato impunemente da oltre due
    anni, non si debba chiedere l’ntervento dfi qualche dittatorello sud-americano !

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here