La Camera ha approvato in maniera definitiva la riforma della giustizia civile, convertendo in legge il decreto 132, che aveva ottenuto il voto di fiducia martedì scorso. I favorevoli sono stati 317, contrari 182, astenuti 5.

Dopo un intervallo in cui si sono svolte le votazioni sulla mozione di sfiducia al ministro dell’Interno Alfano – che non è passata – dunque la Camera ha ripreso i lavori sul decreto giustizia, arrivando alla conversione in legge definitiva a pochi giorni dalla scadenza.

La volontà di approvare in fretta il testo, blindato con la questione di fiducia a smorzare qualsiasi possiblità di modifica, deriva infatti dall’imminente decadenza della riforma, che avrebbe concluso i propri effetti di decreto d’urgenza mercoledì prossimo 12 novembre, qualora fosse stato mancato l’appuntamento con la conversione in norma tout court.


E invece, tramite il ricorso alla fiducia, il governo è riuscito a portare al traguardo anche questo provvedimento, dopo lo Sblocca Italia, che introduce diverse novità in ambito del processo civile, dell’arbitrato, del ruolo degli avvocati e delle ferie ai magistrati. La conversione in legge del decreto 132 sblocca anche molte norme contenute nel testo che, malgrado l’inserimento nel testo a effettività immediata, erano rimaste sospese per via della transitorietà inscritta nel testo originario del decreto, che ne rinviava l’entrata in vigore piena solo nel momento di conversione completa.

Ora, dunque, tutte le novità contenute nella riforma diventano effettive, in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, prevista per i prossimi giorni, quando, cioè: solo da quel momento la riforma inizierà a sortire i primi, veri effetti sull’ordinamento della giustizia.

Le ultime novità della legge

Il testo approvato è quello già licenziato, sempre tramite voto di fiducia, nei giorni scorsi dal Senato. Da allora, il testo è rimasto immutato, portando così alla conversione in legge.

QUI LO SPECIALE CON TUTTE LE NOVITA’ CONTENUTE NEL DECRETO 132

Da segnalare, anche il sopraggiunto divieto di testimonianza scritta anche nei processi civili, mentre si allarga il campo del divorzio breve in sede di definizione della separazione, che arriva a includere anche i matrimoni in presenza di figli ancora in minore età. Sicuramente, la novità più importante per lo smaltimento dell’arretrato civile è quella di poter ricorrere all’arbitrato sia in primo che in secondo grado.

Vai al testo finale della riforma della Giustizia

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteEdilizia, certificazione energetica: in vigore le nuove norme UNI TS
Articolo successivoIter assembleare nella Spa

3 COMMENTI

  1. index

    Dopo aver perso sia la verginità che la testa, giustizia era scomparsa. Secondo alcuni era diventata una stella del cielo.

    Partito per ritrovarla, dopo aver dapprima chiesto alla Pm Maria Esposito ed al Dott. Vittorio Masia della Procura di Bergamo e di seguito al tribunale Civile di Bergamo, alla giudice Monica Bertoncini, inutilmente, mi rivolsi ai giudici della corte di appello di Brescia Antonio Matano, Antonella Nuovo. Fu tutto inutile. Decisi allora di ripartire dall’inizio, dal momento in cui era scomparsa a causa dell’autorità giudiziaria che l’aveva in custodia. Chiesi al Pm Maria Esposito, al gip Giovanni Petillo, sollecitai il procuratore Francesco Dettori, invano. A Bergamo nessuno sapeva e neppure la cercavano. Eppure mi era stato detto che erano stati nominati suoi custodi.

    Giunto alla cittadella della giustizia a Brescia, dove credevo Giustizia, fosse di casa, chiesi al Pm Ambrogio Cassiani. Non sapeva nulla. Insistetti,. Mi rispose che aveva altro da fare e non era il caso. Mi rivolsi allora al procuratore nazionale antimafia Dell’osso, diventato procuratore di Brescia. Gli domandai: lei sa dove sia andata Giustizia?

    Mi fece rispondere da Burocrazia: ci vuole tempo.

    Ora attendo la sua risposta.

    Vi racconterò.

    Per il momento credo siano preoccupati dal Deus Renzi che propone di intervenire nel loro mondo.

    adriano53s@hotmail.com

  2. IL DIRITTO VIOLATO
    La riforma della giustizia civile fatta con un decreto legge è segno poco… civile di mancato rispetto della Carta Costituzionale. Grazie Presidente, se non ci fossi sarebbe meglio! deughis

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here