Mentre la legge di stabilità 2015 è ormai pronta all’esame del Parlamento, arriva una doppia stroncatura sulla manovra che rischia seriamente di compromettere il cammino della finanziaria, almeno nella versione in cui il governo Renzi ha deciso di impostarla in origine.

A distanza di poche ore una dall’altra, infatti, due istituzioni severe come Bankitalia e l’Istat – centro statistico di ricerche ed elaborazione dati nazionale – hanno bocciato la legge di stabilità che così faticosamente l’esecutivo era riuscito a far digerire, prima alla Ragioneria di Stato, poi al presidente della Repubblica e, infine, anche ai commissari europei di Bruxelles.

Ora, però, è arrivata questa doppia mazzata sul capo della finanziaria, proprio nelle ore che precedono il suo debutto in Parlamento, dove è arrivata nei giorni scorsi per consentire alle forze politiche di avviare esame, dibattito ed eventuali modifiche.

I dubbi dell’Istat

Sul fronte macroeconomico, l’istituto di statistica ha certificato come, nel 2015, la recessione economica dovrebbe finalmente scomparire, pur di fronte a una crescita ancora troppo tenue, che la manovra economica del governo non riuscirà comunque a spingere.

La stima dell’Istat per il Pil nel prossimo anno, è di un misero +0,5%, con il parallelo incremento dello 0,3% alla spesa delle famiglie, favorito dalla bassa inflazione che si continuerà a registrare. A parere dell’Istat, però, permane un ampio margine di incertezza, in particolare proprio in relazione agli effetti che la finanziaria potrà generare sull’economia.

Le certezze di Bankitalia

Molto meno caute le previsioni di Bankitalia, che si dedica sul provvedimento che più di ogni altro ha fatto discutere fino adesso, peraltro adottato dal governo in via sperimentale poiché, evidentemente, non si riescono a figurare con assoluta sicurezza i possibili scenari. Si tratta del Tfr in busta paga, la facoltà che il governo lascerà a partire dal 2015 ai dipendenti privati.

QUI LE INFORMAZIONI SUL TFR IN BUSTA PAGA

Peccato, però, avverte la banca nazionale tramite il proprio vicedirettore Signorini, ospitato alla Camera in un’audizione propedeutica al lavoro delle commissioni, “lo smobilizzo del Tfr maturando inciderebbe negativamente sulla capacità della previdenza complementare, o del Tfr se percepito alla fine della carriera, di integrare il sistema pensionistico pubblico, che in prospettiva presenta bassi tassi di sostituzione, soprattutto per i giovani, mediamente più soggetti a vincoli di liquidità”.

Insomma, un quadro horror, che non farebbe che complicare il già problematico rapporto dei lavoratori con una previdenza che allungherà sempre più i propri requisiti per la maturazione dell’assegno. A maggior ragione, la possibilità per i giovani di aderire all’opzione di anticipo del Tfr nello stipendio mensile, scoprirebbe questa categoria di lavoratori – già esposti al rischio della precarietà – anche alla percezione di pensioni non adeguate in futuro. Se mai ne avranno una, naturalmente.

Vai al testo della relazione tecnica alla legge di stabilità 

Vai alla bozza della legge di stabilità

Vai alle misure punto per punto

Vai allo speciale legge di stabilità 2015


CONDIVIDI
Articolo precedenteMotivazione dell’atto nel classamento catastale
Articolo successivoMedicina, la pezza del Miur: i test di ammissione restano validi

2 COMMENTI

  1. Io mi chiedo come,si possono dare pensioni D’oro a persone e sono tante che non meritano,per poi dare 278 euro al mese a persone invalide civili . Io credo che non sanno quel che fanno. Forse non capiscono che la Politica si fa per gli altri,non per se stessi.Non resta che capire la loro ignoranza e povertà mentale. Alberto

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here