Niente bollo auto per chi acquista un’auto nuova, meglio se ecologica. A sorpresa, ieri, è arrivato il via libera della Commissione Finanze della Camera a una proposta di legge che, certamente, non potrà che essere accolta favorevolmente dai milioni di automobilisti che ogni giorno sfrecciano sulla rete stradale del Paese.

A confermare il bonus in arrivo per chi compra un’auto direttamente dalla casa madre, il presidente della Commissione Daniele Capezzone, il quale non ha esitato a definire storico questo via libera, che va proprio a eliminare – per un perido limitato – la tassa più scomoda per chi detiene una vettura di proprietà.

Cosa prevede la norma

L’ok della commissione di Montecitorio è arrivato, ieri, su una proposta che esenta completamente del bollo auto per i primi tre anni chi compra un’auto nuova, che potranno arrivare addirittura a cinque qualora si opti per un mezzo alimentato a gas oppure ibrido.

In ogni caso, viene previsto come, una volta concluso il periodo tax-free, il saldo del nuovo bollo auto vada comunque commisurato all’inquinamento ambientale che produrrà il veicolo in questione.

Si tratta di una manovra che i responsabili Finanze della Camera stimano a impatto zero per le casse statali, al momento che i minori introiti derivanti dal mancato gettito del bollo, dovrebbero essere compensati dal surplus in arrivo a seguito dell’incremento Iva sulle immatricolazioni.

E non è tutto: assieme alla novità sorprendente sul bollo auto, la proposta licenziata dalla Commissione Finanze prevede anche un piano di deduzioni per i mezzi aziendali ecologici, più la cancellazione della famigerata imposta provinciale di trascrizione per le auto acquistate di nuova fabbricazione. Insomma, una vera manna per il settore.

Si tratta, com’è ovvio, di novità molto attese nel campo dell’industria automobilistica, che sta vivendo un periodo di lento rialzo, dopo alcuni anni complicati. L’auspicio dei legislatori è, ovviamente, che questo pacchetto approvato in Commissione, una volta diventato legge, possa dare l’impulso per riavviare definitivamente il mercato.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteTra la sicurezza del lavoro e quella del diritto
Articolo successivoLegge di stabilità 2015, confermati eco bonus energia ed edilizia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here