Il decreto 132 pubblicato in Gazzetta lo scorso 12 settembre ha cambiato ancora una volta le carte in tavola nel processo civile. Professionisti e uffici giudiziari stanno cercando di aggiornasi in tempo, prima che l’intera riforma della giustizia civile sia in corso di operatività.

Le novità sono molteplici. Sicuramente la più eclatante sul fronte professionale è la negoziazione assistita, che ah introdotto l’obbligo di procedere a un tentativo di accordo tra le parti, sotto la supervisione di almeno uno dei due avvocati delle parti in causa. Ma molto scalpore hanno suscitato anche le modifiche apportate alla legislazione sulla separazione consensuale.

Ma quello che più preme professionisti e funzionari di giustizia, è il coordinamento di questa ultima manovra del governo con gli interventi varati nei mesi scorsi, a cominciare dal decreto 90, ossia la riforma della Pubblica amministrazione.

Al suo interno, si trovano specifiche misure che vanno a rinnovare l’andamento delle cause in contenzioso civile, a cominciare dalle ultimissime sul processo telematico, con tutte le indicazioni operative per i poteri di autentica dei difensori e gli aggiornamenti più recenti sul contributo unificato.

A queste, si è aggiunto da qualche settimana il nuovo decreto, con le modifiche apportate al rito sommario, alle dichiarazioni dei testimoni, con le ulteriori aggiunte al processo esecutivo.

Si tratta, insomma, di un panorama in completa ridefinizione, che obbligherà, di qui a poco, tutti gli avvocati, e i professionisti ad aggiornarsi per non cedere il passo ai cambiamenti.

A questo proposito, è in programma il prossimo 17 ottobre a Bologna un convegno ad hoc sugli ultimi provvedimenti legislativi in fatto di giustizia civile in fase di accreditamento per la formazione professionale degli avvocati da questo titolo:

LE NOVITA’ NEL PROCESSO CIVILE
Cosa cambia dopo il D.L. n. 132/2014 (processo civile) e dopo la L. 114/2014 (uffici giudiziari)

Relatore sarà Michele Angelo Lupoi, professore associato di Diritto processuale civile presso la Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Bologna, dove svolge anche la professione forense.

L’orario di svolgimento sarà dalle 14:30 alle 18:30.

Clicca qui e scopri di più!

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteEsodati, ok alla nuova salvaguardia. Quota 96, si riaprono i giochi
Articolo successivoPerché l’articolo 18 è un falso problema

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here