E’ il giorno degli esodati in Senato. Finalmente, il Parlamento torna a occuparsi dei dimenticati del welfare, e lo fa tramite la sesta salvaguardia per i lavoratori esclusi dalla copertura pensionistica a seguito delle leggi Fornero e Sacconi (che oggi guiderà l’esame del testo da presidente della commissione). QUI IL TESTO

Toccherà infatti alla commissione Lavoro di palazzo madama aprire ufficialmente alla discussione sul provvedimento che dovrebbe riportare entro il recinto della previdenza altri 32mila dimenticati nel limbo delle riforme degli ultimi anni.

Come noto, il vero shock è stata la riforma Fornero, con il cambio repentino di requisiti che ha portato un vero e proprio terremoto nello Stato sociale, generando un oceano di esodati non tutelati dalle nuove regole, ancora oggi di dimensioni sconosciute anche llo stesso Inps.

Per ovviare a questa catastrofe senza fine, anche il governo Renzi ha varato, come già in passato i predecessori Mario Monti ed Enrico Letta, un provvedimento ad hoc,favorendo il reintegro di speciali categorie di lavoratori che, a seguito di decisioni individuali o collettive, abbiano perso il diritto alla pensione e si trovino relegati ormai ai margini del mercato del lavoro.

Nello specifico, questa volta i 32mila nuovi tratti in salvo derivano dal recupero di 24mila posizioni lasciate libere dalle prime due salvaguardie risalenti al 2012, che le procedure attivate non erano riuscite a soddisfare. In aggiunta, il governo Renzi ha aggiornato il conteggio dei recuperi assicurando 8mila nuovi innesti. Costo totale dell’operazione, stimato: 120 milioni di euro.

Interessante capire se, come veniva annunciato nei primi giorni in cui venne presentata la nuova salvaguardia, verrà esteso anche il termine per il riconoscimento delle tutele per ulteriori dodici mesi. Allo stato attuale, infatti, resterebbe solo il 2015 per usufruire del paracadute governativo delle salvaguardie, ma il governo, presentando la sesta salvaguardia, ha assicurato di volerlo prorogare fino a tutto il 2016. Un po’ di respiro in più per migliaia di esodati, ancora in attesa di completare l’iter di rientro nella pensione, o addirittura fermi ai blocchi di partenza per l’esame della propria situazione da parte degli uffici previdenziali.

Vai allo speciale esodati


CONDIVIDI
Articolo precedenteProvince, dipendenti in bilico. E il 12 ottobre si vota
Articolo successivoSciopero esercito: così Renzi potrà assicurare promozioni e assegni

1 COOMENTO

  1. ho fatto 40 anni dfi contributi a maggio del 2014 sono stato messo in cig nel 2012 agosto e successivamente in mobilita dallagosto 2013 vorrei sapere se potro andare in pensione con la sesta salvaguardia visto che sono giovane per la pensione e vecchio e inutile per lavorarare visto che i diritti acquisiti non si toccano i loro pero e visto e considerato che ho cominciato a 15 anni a lavorare smettiamola di fare i pagliacci e che ho sempre versato i miei contributi regolarmente datemi solo quello che mi spetta di diritto visto che anche della mia liquidazione non ho visto un quattrino non chiedo altro datemi il mio dovuto e mi tolgo dalla circolazione mi dispiace solo per le generazioni future cordiali saluti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here