Nuovo capitolo sulla vicenda dei Quota 96. Dopo la mancata concessione della pensione ai dimenticati della legge Fornero, che si troveranno costretti a lavorare almeno altri due anni in cattedra, arriva la nuova promessa del governo.

E’ la pagina Facebook che raduna tutti coloro che rientrano nella sfortunata categoria a pubblicare il testo che riportiamo qui sotto, di una lettera inviata direttamente dal ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia a un insegnante rimasto al palo dopo i recenti balletti che hanno portato a un nulla di fatto e che, per questo, ha scritto esprimendo la propria delusione al giovane esponente del governo.

Ebbene, la promessa del ministro è quella di intervenire quanto prima alla soluzione del problema, malgrado il tira e molla che è andato in scena nelle scorse settimane e che ha portato, prima, alle quasi dimissioni del commissario della spending review Carlo Cotteralli e, poi, addirittura al rischio di crisi di governo per il voto di fiducia al decreto PA, poi alleggerito della salvaguardia. Una promessa, inutile a dirsi, che oggi sembra più che mai difficile da realizzare.

Ecco la lettera del ministro dalla pagina Facebook “Quota 96”

Gentile Prof…….
comprendo le ragioni del suo rammarico per la mancata occasione di idonea risposta all’annosa questione dei cosiddetti “quota 96”, 4000 tra docenti e personale ATA penalizzati dall’entrata in vigore della legge Fornero per la peculiarità del loro contratto di lavoro e, nei fatti, privati del diritto all’assegno previdenziale.
L’aver escluso dal decreto sulla PA tali pensionamenti, non deve tuttavia essere visto come una rinuncia del Governo a dare adeguata soluzione al problema: infatti, il presidente Renzi si riserva di valutare la questione nel quadro del pacchetto scuola che sarà varato a breve.
E’ appena il caso di sottolineare che all’effettiva entrata in quiescenza del personale interessato corrisponde l’avvio del processo di ricambio generazionale con giovani insegnanti, tema, quello della staffetta, che mi sta particolarmente a cuore e al quale continuo ad assicurare tutto il mio impegno.

Cordiali saluti
Marianna Madia


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma della giustizia 2014: pronto il testo in arrivo in Cdm
Articolo successivoPensioni, prelievi e blocco stipendi: i segnali di un autunno caldo

10 COMMENTI

  1. ma come si fa a fare il macchinista fino a 66anni d’età ?! eh….succederà che tanti poveretti che si scoppiano da una vita notti e giorni di 12ore di 8 ore,non facendocela più involontariamente,è logico ,faranno andare tutto a carteequaranta……non è un lavoratore che si lamenta ma sua mogli cara ministro madia,che vede cosa succede alla salute di chi sgobba da sempre ,e ha 60 anni e non ce la può fare perchè la fornero ha detto “stop”!ci metta una pezza almeno lei,ministro!!11

  2. Signori politici fate in modo di risolvere questi problemi relativi alle pensioni non solo per ottenere uno svecchiamento importantissimo nel mondp della scuola ma sopratutto per permettere ai giovani l’inserimento

  3. scusatemi quindi con 31 anni di contributi espulso dal lavoro a 53 anni con rito fornero per soppressione della figura commerciale all’interno dell’azienda leggermente in crisi …che prospettive ho ?
    basta con tutti questi parlamentari che vivono sulle nostre spalle con un mutuo un bimbo e moglie ho qualche risparmio che si consumera inesorabilmente con 12 mesi circa ….basta
    FATE QUALCOSA DI SERIO …………………………………..

  4. Anche allo scrivente la Segreteria del Ministro ha gentilmente risposto, qialche giorno fa, ad un mio quesito in merito:
    ” Il Ministro comprende le ragioni del suo rammarico per la mancata occasione di idonea risposta all’annosa questione dei cosiddetti “quota 96”, 4000 tra docenti e personale ATA penalizzati dall’entrata in vigore della legge Fornero per la peculiarità del loro contratto di lavoro e, nei fatti, privati del diritto all’assegno previdenziale e ritiene che l’aver escluso dal decreto sulla PA tali pensionamenti, non deve tuttavia essere visto come una rinuncia del Governo a dare adeguata soluzione al problema: infatti, il presidente Renzi si riserva di valutare la questione nel quadro del pacchetto scuola che sarà varato a breve ed è il caso di sottolineare che all’effettiva entrata in quiescenza del personale interessato corrisponde l’avvio del processo di ricambio generazionale con giovani insegnanti, tema, quello della staffetta, che sta particolarmente a cuore al Ministro e al quale continua ad assicurare tutto il suo impegno.”

    Ora confrontate i due testi.

  5. Salve sono una ragazza di 25 anni ho un bambino di 2 anni Che atachato à sua padre da 2009 non fatto nulla per un devinettivo ha portato via io ô un lavoro adesso non ce lo faccio lui me autava prima quista la legge sono disperata come faccio

  6. Mi associo a tutti coloro che si lamentano di questa ” famigerata ” legge fornero che infiniti dolori ha prodotto in milioni di lavoratori. Alla fine ha fatto piacere solo a coloro che hanno fatto poco (vedasi parlamentari e loro similari) purtroppo non ci si può aspettare niente di buono da parte di persone che pensano solo ai loro interessi e che parlano parlano e poi parlano ma in effetti non si vogliono prendere a cuore il benessere di quelli a cui dovrebbero. Il sottoscritto é stato buggerato e mi tocca andare in pensione fra 3 anni a 64 anni e mezzo con 42 anni e mezzo di lavoro. Non credo proprio che faranno qualcosa di buono perché non hanno nessuna voglia di fare le cose a nostro favore

  7. Solo se Lei,Ministro MADIA mostrerà tenacia, volontà e vera convinzionenel difendere il nostro problema, il Governo correggerà l,errore dei QUOTA 96! Abbiamo fiducia in LEI.

  8. Solo se LEI ministro Madia mostrerà al premier Renzi e al Governo di cui fa part , gli artigli e pesterà loro i piedi , forse prenderanno veramente in considerazione il nostro problema!!Sia tenace e combattiva e, soprattutto, prenda con sincerità le nostre difese, non si lasci facilmente influenzare, come del resto ha già fatto,perchè, mi chiedo, ha veramente a cuore la correzione dell’errore dei quota 96 , oppure è la sua un’ennesima farsa?Ci dimostri che non è vero!!

  9. La ministra è ptoprio patetica (per evitare altra definizione): Il presidente renzi,
    “si riserva……” il presidente cos’è diventato il “Deus ex macchina” circondato
    da belle statuine che aspettano l’imboccata? E se poi è un diritto calpestato,
    perché per riconoscerlo i quota 96 dovranno pagare il “PIZZO”?

  10. Gent. Ministro Madia, capisco la sua condizione di dover giustificare il governo della decisione presa di scorporare la questione dei Q.96 dal decreto P.A. , anche se ritengo una giustificazione poco comprensibile. Tuttavia le rammento che la vera spesa della P.A.deve essere ricercata altrove, non in quelle istituzioni dove sono la linfa vitale di uno stato, cioè la scuola. Poi ci sarebbe da controllare più spesso le spese mafiose della sanità, più delle vote gonfiate a dismisura, grazie a dei politici corrotti. Se poi a questi malavitosi gli si da anche l’immunità il gioco è fatto. Le rammento inoltre che presso la Camera e Senato, e ministeri vari e regionali, girano stipendi fuori del comune, addirittura gli uscieri, percepirebbero stipendi da favola. Questo ambaradan sommato a tutte le sovvenzioni create ad oc per spillare denaro allo stato, fanno si che la spesa aumenti vertiginosamente.
    Chi afferma il contrario di quello che dico, vuol dire che fa un insulto a chi paga regolarmente le tasse, e che ha un pochino di sale in zucca di saper fare due conti della classica massaia., la quale amministrerebbe la finanza dello stato meglio di blasonati economisti.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here