costi_scuola_isee

I costi della scuola sono, nel bilancio di moltissime famiglie italiane, una voce piuttosto significativa soprattutto in questo periodo e cioè a ridosso dell’inizio dell’anno scolastico. Per costi della scuola si intendono: libri di testo, mensa, iscrizioni, rette, borse di studio.

Agevolazioni: come funzionano

Su tutti questi costi è possibile ottenere agevolazioni sconti, contributi o detrazioni: l’obiettivo è favorire l’accesso all’istruzione paritaria, dei ragazzi, appartenenti a nuclei con basso reddito. Ma come vengono stabiliti i bonus detrazione sui costi della scuola?

Semplice: in base a parametri definiti localmente (comune/regione), dove a dettare le linee guida sono o la Regione, oppure il singolo Comune, che distribuisce i contributi, in base alle dichiarazioni dei redditi, dei propri cittadini.


Per costi della scuola quindi si intende tutto l’iter: asilo nido, scuola materna, università e tutto quello che c’è nel ‘mezzo’. E’ possibile accedere a sconti ed agevolazioni su rette mensili, mense, buoni pasto, acquisto di libri di testo, abbonamenti ai trasporti, tasse annuali e altre eventualità.

Il parametro, più utilizzato è quello dell’Isee, l’indicatore di situazione economica equivalente. Le regole vigenti sono relative al 2013, e non essendoci state comunicazioni sono valevoli anche per il 2014 ma il consiglio è comunque quello di verificare con le proprie istituzioni locali, che sapranno spiegare i tetti di reddito entro cui si è ammessi al contributo e l’entità dello stesso.

Esse descriveranno i tetti di reddito, entro cui si è ammessi al contributo e, l’entità dello stesso. Ogni ente stabilirà  l’entità  dei propri sconti, riferibili alle fasce a cui sarà possibile accedervi. Attenzione: ci sono termini ben precisi per la consegna delle domande, controllate sul sito ufficiale del vostro comune.

Isee: come calcolarlo

Per calcolare l’Isee (riferito al nucleo famigliare e non al singolo individuo)è necessario recarsi presso un Centro di assistenza fiscale. Bisogna essere muniti di documenti d’identità, tessera sanitaria, fotocopia del codice fiscale e del contratto di locazione se il nucleo è in affitto. Vanno comunicati ed accertati i seguenti dati:

  • stato di famiglia
  • fotocopia del tesserino del codice fiscale di tutti gli appartenenti al nucleo
  • relativa tessera sanitaria
  • eventuale certificazione dell’handicap o dell’invalidità di uno dei componenti.
  • saldo dei conti correnti, titoli di Stato e simili
  • azioni, patrimoni in gestione e societaria
  • assicurazioni ed altro.

In ultimo, l’Isee viene a risultare come il rapporto tra situazione economica e valore del parametro che deriva dalla scala di equivalenza in base al numero dei componenti del nucleo famigliare

Numero dei componenti Parametro
1 1.00
2 1.57
3 2.04
4 2.46
5 2.85 

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlle Sezioni Unite la questione sull’impugnabilità dell’estratto di ruolo
Articolo successivoPensiero unico e Post-democrazia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here