Codice della strada: si cambia. C’è voluto parecchio, ma alla fine la Commissione trasporti della Camera ha approvato il testo di legge delega che affiderà al governo il compito di riscrivere le norme che regolano la circolazione stradale.

In realtà, non verrà riscritto l’intero Codice, ma le direttive diramate ieri dalla Commissione di Montecitorio contengono una serie di novità che modificheranno le abitudini di certi automobilisti, specialmente quelli che, malgrado gli inasprimenti degli ultimi anni tra patente a punti e sanzioni più severe, non si curano troppo dei limiti e delle restrizioni al volante.

Cambieranno, infatti, tanto le massime velocità consentite in determinate arterie stradali, così come i principi che regoleranno la sospensione della patente, e le possibilità per i veicoli a due ruote di accedere alle carreggiate a scorrimento veloce.

In linea generale, comunque, i partiti consegnano al governo la traccia di un testo che dovrà essere per forza di cose snello, che verrà diviso in due tronconi per semplificare l’introduzione delle nuove norme: da una parte, le novità apportate al Codice relative a pedoni e automobilisti, mentre, dall’altra, le novità di tipo più amministrativo verranno contenute in una serie di regolamenti ad hoc per diluire il più possibile l’impatto delle nuove misure sull’ordinamento stradale.

Le tappe

Ora il testo verrà girato alle altre Commissioni della Camera, che ne valuteranno i criteri di rispondenza sia in termini di legge che di risorse. Se, come ampiamente previsto, verrà dato parere positivo, a settembre partirà l’iter alla Camera per l’approvazione definitiva. Quindi, toccherà al governo, entro sette mesi, emanare tutti gli atti delegati per l’entrata in vigore delle nuove disposizioni, che potrebbero facilmente debuttare nella prima parte del 2015.

Le novità al Codice della Strada

Modifica dei limiti sulle strade extraurbane: possibile che vengano introdotte due velocità distinte per i tratti a seconda delel corsie nel senso di marcia

Introduzione del reato di omicidio stradale

Apertura delle autostrade anche ai veicoli con cilindrata inferiore a 150 cc: anche le tangenziali, insomma, saranno percorribili dagli scooter 125, purché condotti da maggiorenni

Apertura delle corsie riservate ai mezzi pubblici anche per biciclette e motocicli

Neopatentati: se trasportato come passeggero un cittadino con patente da almeno 10 anni, decadono i limiti di cilindrata massima. La fine del periodo di “prova”, comunque, verrà accorciata a sei mesi.

Ricorso multe: il massimo di tempo per presentare istanza al Prefetto, sarà di 30 giorni e non più  60. I proventi, invece,s aranno suddivisi tra tutti gli enti che hanno responsabilità di vigilanza sulle strade, con quote riservate il 15% all’aumento delle pattuglie e al 20% per finanziare il Piano nazionale sulla sicurezza.

Sanzioni: sì a nuovi strumenti premio per gli automobilisti che non commettono infrazioni, mentre per chi sgarra si cercherà di commisurare i provvedimenti disciplinari in base alla gravità della trasgressione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Jobs Act di Renzi: realtà o illusione?
Articolo successivoRiforma PA, slitta il testo in aula. Sarà voto di fiducia alla Camera

4 COMMENTI

  1. “una serie di novità che modificheranno le abitudini di certi automobilisti, specialmente quelli che, malgrado gli inasprimenti degli ultimi anni tra patente a punti e sanzioni più severe, non si curano troppo dei limiti e delle restrizioni al volante”

    E immagino che la proposta di ritornare la metà dei punti persi dopo solo un anno in assenza di ulteriori decurtazioni, oltre al ritorno dell’intero ammontare dopo 2 anni, e quella di riottenere i punti persi con l’ultima infrazione dopo solo 6 mesi dalla stessa vada in questa direzione, vero?

  2. era ora di aggiornarlo,ma nella fattispecie tutti gli addetti ai controlli stradali, devono fare corsi semestrali universitari di aggiornamento

  3. Pur cambiando ciclicamente il codice della strada sempre ci si dimenticata della SICUREZZA DELLE BICICLETTE.
    In tutta Europa vi sono delle normative OBBLIGATORIE per quanto riguarda i SISTEMI DI ILLUMINAZIONE sulle biciclette
    I sistemi di illuminazione sono mezzi per rende5re visibile la bicicletta al buio
    I sistemi di illuminazione sono
    L Fanali Anteriori
    fanali posteriori con catarinfrangente
    Catarinfrangenti i sui raggi delle ruote per rendere visibile la bicicletta quando è posta perpendicolare all’assi di chi la incrocia Esempio In un incrocio per tutti i mezzi di trasporto che provengono da destra o da sinistra non possono vedere il fanale alnteriore ne quello posteriori ma vedono i catarinfrangenti sui raggi delle ruote.
    Catarinfrangenti sui pedali
    TUTTO IL MONDO a salvaguardia della incolumità del ciclista obbliga i costruttori di biciclette a realizzare le biciclette con questi dispositivi di illuminazione dispositivi che devono essere OMOLOGATI DAL MINISTERO DEI TRASPORTI.
    In italia vengono importati dispositivi cinesi illegali privi di OMOLOGAZIONE prodotti insicuri che comunque la dogana lascia importare nonostante vi sia la legge che obbliga, anche se datata ed incompleta, ad immettere sul mercato solo dispoditivi OMOLOGATI.
    I cinesi sulla illegalità permessa fanno s i soldi ,gli utenti italiani non sono salvaguardati ,le industrie italiane licenziano poiché non possono fare concorrenza a merce illegale insicura e truffaldina importata dalla cina .Distinti saluti Anselmi agostino 335.23.60.63

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here