Ancora poche ore di tempo per i clienti delle maggiori compagnie telefoniche italiane. Da lunedì 21 luglio, infatti, l’avviso di chiamata diventerà a pagamento: chi non disdice in tempo, infatti, accreditati i costi applicati dalle varie Tim e Vodafone.

Sui tratta nientemeno della possibilità di conoscere il numero di eventuali chiamate ricevute mentre il nostro telefono era occupato, così come dell’avviso di reperibilità di un contatto che abbiamo trovato con il telefonino spento oppure in linea con qualcun altro.

Le major della telefonia mobile in Italia, infatti, hanno scelto proprio la data di lunedì per avviare il servizio a pagamento, fino a oggi conferito in forma gratuita. Agli utenti, nelle ultime settimane sono stati recapitati Sms con i costi di attivazione, che non sarà volontaria, ma automatica per coloro che non opereranno la disdetta.

In realtà, da giorni molti utenti lamentano di non aver ricevuto il messaggio personale con le istruzioni per bloccare la conferma del servizio che non sarà più gratis.

I costi

Per Tim, il servizio Losai di Tim, abbinato a ChiamaOra, avrà il prezzo di 1,90 euro ogni 4 mesi, per un totale di 7,60 euro all’anno

Per Vodafone, la possibilità di usufruire di Recall e Chiamami, chiederà ai clienti un esborso di 21,90 euro se utilizzato quotidianamente. la tariffa giornaliera, nel momento di utilizzo del servizio, sarà di 6 centesimi. La stessa compagnia, poi, applicherà un aggravio nei costi per le chiamate alla segreteria da 50 a 99 centesimi, mentre la ricevuta di consegna degli SMS passerà da 19 a 25 centesimi e gli MMS da 70 a 99 cent.

 

Come disattivare

Per evitare di pagare il canone che da lunedì verrà applicato dalle compagnie telefoniche, bisognerà seguire le istruzioni diramate dalle stesse negli SMS inviati ai proprio clienti.

Per Tim, basterà chiamare il 40920 e seguire le istruzioni della voce registrata

Per Vodafone, invece, il numero da contattare per evitare di vedersi addebitati i costi dei vari servizi,è il 42593

In entrambi i casi, per Tim e Vodafone, si potrà disattivare il servizio anche dal sito web, tramite l’apposita sezione di gestione dee proprio profilo.

Le altre compagnie, Wind e 3 su tutte, non hanno comunicato rincari e, dunque, dovrebbero mantenere i propri servizi di avviso di chiamata e di ritorno alla raggiungibilità gratuiti.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDivorzio: l’annullamento della Chiesa non vale dopo i tre anni
Articolo successivoProcesso Ruby, Berlusconi assolto in appello. Il video dei giudici

3 COMMENTI

  1. Non è assolutamente vero che puoi disattivare al 40920 della Tim,una voce pre registrata di dice che il numero non è attivo e ti comunica di chiamare il 1254 per cercare il numero che serve….
    Quindi inutile telefonare, ennesima truffa ?

  2. salve, ho letto la Vostra notizia sul disdettare il servizio chiamata a pagamento della vodafon, ma il numero telefonico da voi segnalato, così come il sito, dicono che sono in fase di ricostruzione. Non potendo procedere alla disattivazione in tempo utile, non per colpa mia, posso farlo in secondo momento senza alcun addebito. Grazie per l’attenzione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here