concorso scuola

Finite le anticipazioni o le indiscrezioni: ora sono le tracce vere. E la busta del Miur dice che alla maturità 2014 sono usciti i seguenti argomenti.

Analisi del testo. Salvatore Quasimodo, “Ride la gazza, nera sugli aranci”.

Storico: il patto dei tre imperatori e la situazione attuale in Crimea

Scientifico: Tecnologie pervasive e responsabilità. “La tecnologia da sola non fa scuola”. Testi di Fabio Chiusi e Dianora Bardi

Storico-Politico: Violenza e non violenza nel ‘900 con passi di Gandhi, Walter Benjamin, George L. Mosse e Martin Luther King

Ordine generale. Renzo Piano “Siamo un Paese straordinario, ma fragile”. Rapporto centro-periferia, tratto da “Il rammendo delle periferie”, pubblicato dal Sole 24 Ore

Artistico-letterario: Il dono, opere di Jacques-Louis David e un testo di Grazia Deledda

La giornata è iniziata prestissimo per mezzo milione di studenti, alle prese con il primo appuntamento dell’esame di maturità, l’atto conclusivo dei cinque anni di scuola superiore, e l’inizio di un nuovo cammino.

Da alcuni giorni, su internet impazzava il tototema, con la ricerca degli argomenti più gettonati, o quelli ritenuti più probabili da esperti e professori non coinvolti nelle commissioni.

Ieri, poi, il plico telematico con le consegne del tema per l’esame 2014, è stato consegnato ai singoli istituti, ma ancora sprovvisto del codice per essere sbloccato e dunque letto per intero. Solo in mattinata, il Miur ha diramato la chiave di accesso per sbloccare i temi e leggere così le tracce ufficiali.

Qualche intoppo nei primissimi minuti, con studenti che hanno twittato come il sito del ministero fosse irraggiungibile nei minuti caldissimi, forse per i troppi contatti raggiunti. Poi, superata la prima fase critica, tutto ha ricominciato a filare liscio, lasciando liberi i ragazzi di svolgere i cloro componimenti.

Nei giorni scorsi, erano trapelate alcune soffiate, con la possibile uscita di alcuni temi particolarmente significativi, come la canonizzazione dei due papi – Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II – oppure il centenario della Prima Guerra Mondiale.

E secondo le prime indiscrezioni che arrivano dagli istituti, sembra proprio che la grande guerra sia stata scelta come argomento storico, ma proiettato all’attualità. Allo stesso modo, sembra che i tecnici del Ministero abbiano optato per un grande della letteratura del ‘900, il premio Nobel Salvatore Quasimodo.

(In aggiornamento)


CONDIVIDI
Articolo precedenteMaturità 2014, ecco il tema. Aperte le tracce del Miur
Articolo successivoNon solo contributi Inps: incentivi alle assunzioni anche ai Premi Inail

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here