Pare, dopo lunghe vicissitudini, aver trovato una sua stabilità la legislazione italiana sulla certificazione energetica che, soprattutto per quanto riguarda la locazione, ha conosciuto numerosi e inaspettati stravolgimenti. Se fino al 2012 l’affitto era stato toccato dalla normativa sulla certificazione energetica solo “di striscio”, il 2013 ha portato anche per questo settore diverse novità, e la locazione ha dovuto, in tutta fretta, iniziare a fare i conti con l’obbligatorietà della normativa.

Vivendola, non bisogna nasconderlo, come un appesantimento e una ulteriore forma di burocrazia. Perché, si sa, le trattative di affitto sono più veloci rispetto alla compravendita immobiliare e il turnover negli immobili è decisamente più elevato: vincoli e paletti burocratici sono quanto mai sgraditi ai proprietari immobiliari.

La sanzione di nullità, che il Parlamento ha imposto con la L. 3 agosto 2013, n. 90 sui contratti di locazione privi di APE allegato o carenti di clausola di dichiarazione di consegna dell’APE all’inquilino, ha fatto sì che – volenti o nolenti – i locatori abbiano dovuto confrontarsi con questa nuova esigenza, anche se nel frattempo, a seguito del D.L. 23 dicembre 2013, n. 145 (c.d. “Destinazione Italia”), non è più dichiarabile come nullo il contratto di affitto privo di clausola di dichiarazione dell’avvenuta consegna all’inquilino dell’APE e delle informazioni relative alla prestazione energetica dell’unità immobiliare. Né è più obbligatorio allegare l’APE al contratto di locazione in sede di registrazione all’Agenzia delle Entrate; sanzione si nullità dei contratti di affitto sostituita con una consistente multa a carico del proprietario che non fornisca al conduttore l’Attestato di Prestazione Energetica, dichiarando l’avvenuta consegna sul contratto di affitto.

Il franchising leader nel settore della locazione, Solo Affitti, ha condotto una statistica relativa alla classe energetica degli APE riferiti ad immobili il cui contratto di affitto sia stato intermediato da uno dei professionisti affiliati alla propria rete.

Ne è emerso un dato interessante: oltre la metà (57,2%) dei contratti di affitto si riferiscono ad immobili vecchi ed energeticamente inefficienti, collocati in classe G. Rarissimi, invece, gli immobili classificati nelle categorie considerate “verdi” (A+, A, B o C): solo il 10,5% dei contratti di affitto erano accompagnati da un certificato recante una di queste classi energetiche.

Se è vero, come è vero, che sempre più il mercato della locazione, in un contesto come quello attuale di abbondante offerta di immobili, richiede appartamenti di qualità, nuovi e confortevoli, è altrettanto vero che il patrimonio immobiliare italiano è per la maggior parte vecchio e costruito senza tenere minimamente conto dei criteri di sostenibilità energetica ed ambientale. E, sugli immobili in affitto, spesso l’interesse a mantenere elevata la redditività dell’investimento da parte del proprietario confligge con l’opportunità di effettuare sull’immobile investimenti di manutenzione, ristrutturazione ordinaria e straordinaria o riqualificazione energetica. Ragionamento poco green, ma molto economy. E che fotografa la realtà del mondo della locazione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteSecondo ciclo Tfa 2014, sito dimenticato. Le istruzioni per iscriversi
Articolo successivoElezioni europee 2014, la guida completa: come si vota, orari, info utili

9 COMMENTI

  1. Buonasera contratto affitto in data 1 12 2013 il proprietario non mi ha mai consegnato ape ma adesso se la richiedo potrei essere sanzionato in solido e al pagamento? COSI OLTRE AD UN AFFITTO SPROPOSITATO ANCHE LA BEFFA

  2. vorrei vendere il mio appartamento e l’agenzia mi ha richiesto l’APE, SOSTENENDO CHE E’ OBBLIGATORIO per effettuare la pubblicità’, ecc..e’ vero?

  3. Personalmente ritengo che tutto sia drammaticamente demenziale, il governo essendosi accorto del pasticcio combinato invece di reintrodurre l’autocertificazione in classe G risolvendo a costo zero il problema per oltre la metà (57,2%) dei contratti di affitto che si riferiscono ad immobili vecchi ed energeticamente inefficienti, introduce multe da 500 a 4000 euro depenalizzando le false dichiarazioni contrattuali con controlli che non possono peraltro partire a larga scala non avendo attuato l’informatizzazione degli elenchi regionali APE.
    Non intendo sminuire la validità della certificazione di un professionista, ma nel mio caso per “rinnovare” il contratto a degli inquilini che conoscono perfettamente i consumi riportati tra l’altro nei consuntivi condominiali, dovrò pagare 2-300 euro per un certificato in G che immagino mi suggerirà di sostituire le finestre a vetro singolo. Costi che non intendo naturalmente sostenere essendo i consumi comunque bassi 400 euro annuali per 38mq di appartamento e dovendomi confrontare con il ricorrente problema della mororsità.

    In questo contesto in cui al proprietario si chiede una volta ancora di sottoporsi ad adempimenti costosi ed inutili, utilizzerei il termine vessatorio, l’Agenzia delle entrate pretende le imposte anche sui canoni d’affitto non goduti.

  4. Salve per un negozio che ha un contratto stipulato nel 2010 di 6 anni, che ovviamente viene registrato ogni anno a gennaio, è necessario fare l’APE?

  5. Salve,
    sono proprietaria di un immobile che vorrei locare ma per la mancanza di riattivazione dell’utenza idrica ed elettrica (che avverrà in capo al nuovo inquilino), non posso ottenere attualmente il certificato APE.
    Posso comunque procedere all’affitto della casa per poi produrre la certificazione all’Agenzia delle Entrate?
    Se si, quali sono i termini entro i quali adempiere?
    Cordialmente
    Angela

  6. Let’s take a look on fundamental essay issues and resolve what our
    service can do so that you can appropriate you work.

    In the following part we are to supply hellp with essays aand present how
    risk to do my essay UK will find solution to your essay mistakes problem.
    We’ll step-by-step puzzlee out commonly confronted difficulties listed above and show you the way wee will eliminate it via do my
    esays UK service.

  7. salve
    se ad oggi un nuovo contratto di locazione non è più necessario l’APE ma solo su interi edifici, ecc.. questa nuova normativa da quando è valida?
    per esempio su un nuovo contratto di locazione (aprile 2013) era obbligatorio averlo?
    grazie…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here