Secondo Ciclo Tfa 2014, pronti via e c’è già la prima polemica. Dopo il sensibile ritardo nella pubblicazione del bando, finalmente è disponibile il decreto per l’iscrizione alle prove. Ma il sito governativo è ancora aggiornato, si fa per dire, al 2012.

Insomma, quella del Tfa 2014 se non è falsa, è quantomeno una partenza stentata, figlia, forse dell’improvvisazione che ha regnato per l’apertura del bando di iscrizione. A questo proposito, infatti, è bene ricordare come lo stesso ministro Stefania Giannini abbia sconfessato la via del Tirocinio Formativo Attivo per l’abilitazione all’insegnamento, preferendo il ricorso al classico concorsone, di cui si è affrettata ad annunciare il ritorno per i primi mesi del 2015.

Al momento del suo arrivo alla guida del Miur, però, la macchina del Secondo ciclo Tfa era già in movimento, sebbene ancora all’inizio del tragitto, con il ministro uscente Maria Chiara Carrozza che si era sbilanciata, a poche settimane dall’addio al dicastero, sull’imminente pubblicazione del bando.

Così, nonostante la contrarietà dell’attuale ministro, il bando è stato pubblicato tre mesi dopo i tempi annunciati dal precedente ministro, che aveva dato come mese utile quello di febbraio. Invece, il Miur ha confermato l’uscita del bando il 9 maggio, annunciandolo per il giorno successivo ma riservandosi, però, di diffondere il testo solo una settimana più tardi, cioè lo scorso venerdì 16 maggio.

Dunque, tutto sembra pronto per cominciare la nuova avventura dei Tfa, con le previsioni annunciate degli oltre 22mila posti per gli insegnanti ordinari e i 6mila che vogliano perseguire l’attestato di docenti di sostegno.

A ruota del bando, infatti, è uscito anche il decreto dipartimentale che chiarisce le modalità di partecipazione al girone dei Tfa. Evidentemente, però, ai tecnici del Miur dev’essere sfuggito l’aggiornamento del sito ufficiale sul percorso di tirocinio formativo, addirittura rimasto al 2012, cioè all’era di Francesco Profumo. Una mancanza imperdonabile, dal momento che le iscrizioni al Tfa 2014 potranno essere svolte solo online.

In aggiunta, allo stato attuale restano ignote le date delle prove che si terranno nel mese di luglio per scremare la prima parte di aspiranti docenti, in previsione della roulette autunnale dei test decisivi, quelli che sanciranno la vera e propria abilitazione per i vincitori. A questi, potranno aggiungersi anche gli abilitati Tfa che abbiano concluso positivamente il ciclo in una delle precedenti occasioni, ma rimasti senza una cattedra per mancanza di posti disponibili. Per questi ultimi, l’iscrizione potrà avvenire solo dopo le prove di accesso estive.

Ecco, in sintesi, le istruzioni per iscriversi al Secondo ciclo Tfa 2014:

  • possibilità di iscrizione esclusivamente online
  • contributo di 50 euro per ogni classe di abilitazione
  • il pagamento andrà saldato all’università della regione prescelta dal candidato
  • termine ultimo, lunedì 16 giugno alle ore 1

 

QUI IL TESTO DEL DECRETO

Qui tutti i posti suddivisi per regione

Vai allo speciale Tfa 2014

Leggi il bando del Secondo ciclo

 

Tirocinio Formativo Attivo - I test per la prova di valutazione delle competenze in ingresso

Tirocinio Formativo Attivo - I test per la prova di valutazione delle competenze in ingresso

Giuseppe Cotruvo, 2014, Maggioli Editore

Il volume è indirizzato a quanti intendono accedere al Tirocinio Formativo Attivo ed intendono prepararsi alla prova di valutazione delle competenze in ingresso. Seguendo fedelmente le indicazioni del Decreto 10 settembre 2010, n. 249, il testo si focalizza sui quesiti volti a verificare le...



 


CONDIVIDI
Articolo precedenteElezioni europee 2014, sondaggio: scopri per quale partito votare
Articolo successivoAPE obbligatorio per l’affitto. Ma la certificazione energetica è davvero utile?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here