Tra le possibilità di accedere alla pensione in anticipo, come molti lavoratori sanno, sussistono ancora le facoltà di incrementare il proprio pacchetto di anni di contributi versati, tramite il riscatto di alcuni periodi non lavorativi in senso stretto.

Tali contributi, se rivendicati, hanno una duplice funzione: incidono sia per la maturazione dei requisiti – dunque in ottica di pensione anticipata – sia per determinare il valore dell’assegno pensionistico.

Così, ecco l’elenco dei periodi non lavorativi riscattabili a fini pensionistici riconosciuti ufficialmente:


Periodi di lavoro non coperti da contribuzione

lavoro all’estero

corsi di laurea

congedo parentale

sospensione e interruzione del rapporto di lavoro

periodi di lavoro tra un rapporto e l’altro o di formazione-tirocinio

servizio civile

Nello specifico, ovviamente, moltissimi lavoratori sono interessati a riscattare gli anni trascorsi all’università, che prevede gli anni legali del corso – dunque, niente fuori corso – e interessa solo i lavoratori dipendenti, così come gli iscritti alle gestioni separate della previdenza.

Quali sono i requisiti per il riscatto?

L’unica condizione necessaria per poter usufruire del riscatto degli anni no lavorati a fini previdenziali, è quella di far valere almeno un contributo efffettivamente versato nell’Ago Ivs prima della data in cui è stata inoltrata la domanda.

Inoltre, no si deve essere già coperti da contribuzione obbligatoria o figurativa o da riscatto in qualsiasi regime di tipo pensionistico. Dal 2008, poi,potranno inoltrare domanda anchei soggeti no iscritti ad alcuna forma di previdenza.

Qual è il costo?

PEr ogni anno riscattato, viene richiesto il versamento di un contributo equivalente al minimo imponibile annuo di artigiani e commercianti, moltiplicato per l’aliquota di computo delle prestazioni. Resta la possibilità di dedurre a fini fiscali i contributi versati per il riscatto.


CONDIVIDI
Articolo precedenteGoverno Renzi, testo e video del discorso pronunciato in Senato
Articolo successivoProgramma Renzi, il discorso in punti: dalla scuola alla giustizia

7 COMMENTI

  1. Buongiorno a tutti, vorrei esporvi il mio problema per sapere cortesemente da parte vostra cosa posso fare:
    sono 38 anni che lavoro come operaia in un maglificio sulle macchine e le pezze di tessuto che facciamo per le varie ditte.
    Purtroppo mi è subentrato un problema abbastanza grave, il 17 Dicembre sono stata ricoverata d’urgenza all’ ospedale per problemi di cuore nel senso che mi hanno trovato il cuore ingrossato e liquido nei polmoni dovuto a una insufficienza della valvola mitralica. Mi hanno curato facendomi espellere tutti i liquidi con dei farmaci specifici.
    Il cardiologo mi ha raccomandato di stare a riposo e di non fare sforzi in quanto il 28 Gennaio devo fare l’ ultimo ecocardiogramma per vedere come è andata con la cura, se non è cambiato niente devo essere sottoposta a intervento per sostituire la valvola mitrale.
    Quello che vorrei sapere da voi visto che il cardiologo mi ha detto che una volta fatto l’intervento non posso fare più il lavoro che facevo cosa posso fare?
    Chiedo cortesemente delle risposte da parte vostra su cosa posso fare essendo in questo caso invalida dovuto al cuore? se chiedo la pensione anticipata ( visto che non posso più fare il lavoro dove dovevo alzare le pezze quasi da 200 kg.) cosa perdo?
    Grazie e attendo risposta da parte vostra.

  2. stiamo ancora a discutere di pensioni e quantaltro quando c’abbiamo un ministro del lavoro indagato per mafia oramai l’italia e’ andata alla deriva mi viene in mente quando fecero la cosidetta lacrime e sangue la povera fornera piangeva noi in campania diciamo chiagne e fotte

  3. come mai lavoro all estero come lavoro autonomo non viene tenuto in cosiderazione per riscatto cotributivo

  4. mi piacerebbe se venissero prese ln considrazione anche situazioni gravi come quelle di genitori con figli con handicap per facilitarre la pensione con uscita ANTICIPATA per gravi motivi

  5. Non trovo nessuna copertura per chi ha finito la mobilita’ a gennaio 2013 e nonostante 36 mesi arriva a 39 anni prima servivano 9600 euro ora, con le varie riforme mi ritrovo con un totale da pagare di circa 25000 euro senza conteggiare aumento vita 2015 ed eventuali altre modifiche ._ possibile!!!!

  6. Vorrei sapere quanto dovrei pagare per il riscatto degli anni universitari(4) visto che lavoro con il diploma (impiegata comunale) grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here