Il mercato delle autoscuole in Italia è poco concorrenziale e presenta ingiustificate barriere all’accesso di nuovi competitors.

L’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato ha segnalato per la seconda volta al Parlamento ed al Governo che la normativa vigente in materia di autoscuole non funziona sotto il profilo antitrust e che occorrerebbe far qualcosa per rendere la vita più semplice ai nuovi entranti nel mercato dell’istruzione alla guida.

A seguito della riforma del 2010, il nuovo Codice della Strada obbliga chi volesse aprire un’autoscuola a svolgere corsi per il conseguimento di ogni tipo di patente, oltre che a dotarsi di tutti gli automezzi necessari (autovetture, motocicli, autocarri, autobus) alla relativa formazione.


In pratica, chi intendesse operare in questo settore non potrebbe decidere di limitarsi alla preparazione dei conducenti per le patenti A e B, dovendo invece offrire una gamma completa di tutte le patenti.

Accade così che molte imprese rinuncino o cessino la propria attività per l’eccessiva onerosità dei costi di acquisto e di gestione dell’intero parco attrezzi, che rappresentano per molti una insormontabile barriera amministrativa.

È tutto scritto all’articolo 123, comma 7, del nuovo codice della strada, così come modificato dall’art. 20 della legge 120/2010.

La nuova previsione garantisce a tutti gli aspiranti conducenti che si rivolgessero ad un’autoscuola un’offerta completa, ma introduce – stando a quanto segnalato dall’AGCM – non indifferenti problemi nel funzionamento del mercato interno e distorsioni alla concorrenza.

La relazione è semplice: più ostacoli, meno imprese; meno imprese, meno concorrenza.

Non tutti sono infatti in grado di dotarsi dell’intero parco attrezzi.

Chi non ce la fa ha davanti due opzioni: rinunciare ad operare nel settore o consorziarsi con altre imprese e beneficiare di qualche sconto.

Lo stesso articolo 123, comma 7, prevede, infatti, per le autoscuole la possibilità di riunirsi in consorzi mediante i quali dividere costi di gestione e acquisto degli automezzi. In quel caso le dotazioni complessive (in personale e in attrezzature) delle singole autoscuole consorziate possono essere adeguatamente ridotte.

Anche con una norma sui consorzi di autoscuole, tuttavia, il corretto funzionamento del mercato e la concorrenza rimangono compromessi, potendo il consorzio ben rivelarsi sede privilegiata per il raggiungimento di accordi tra le imprese già attive nel mercato, anche aventi finalità escludenti rispetto ad eventuali nuovi competitors.

Nel vigore dell’attuale normativa i nuovi aspiranti operatori del settore autoscuole corrono dunque un alto rischio di rimanere tagliati fuori.

La barriera amministrativa riduce a monte il numero delle imprese in grado di operare nel mercato e la possibilità di costituire consorzi introduce rischi di collusione tra le imprese. La normativa va rivista, ma stavolta in senso pro-concorrenziale.

Che le imprese tendano spontaneamente a colludere e che all’ingresso dei nuovi entranti venga opposta della resistenza è noto ed anche normale. Non è invece normale che la legge ponga le premesse perché ciò avvenga.

Ciò che ci si aspetta dalla legge è che predisponga le condizioni più favorevoli per un mercato che funzioni al meglio, in questo caso – come fatto presente dall’Autorità -consentendo agli operatori attivi nel mercato delle autoscuole di determinare autonomamente ed in via facoltativa le categorie di patente di guida per le quali organizzare e offrire i relativi corsi


CONDIVIDI
Articolo precedenteRenzi segretario, il primo discorso integrale dopo la vittoria
Articolo successivoForconi, rischio paralisi. Chi c’è dietro le manifestazioni e cosa chiedono

3 COMMENTI

  1. buona sera, sui consorzi non è tanto vero quello che leggo. Chi volesse consorziarsi deve stare alle regole dello statuto e che i nuovi consorziati non possono solo usufruire dei servizi ma devono anche prendere una quota sulla proprietà.A volte tale quota si divide tra i soci consorziati o viene stabilito a priori dallo statuto.Per quanto riguarda consorziarsi presso una provincia limitrofa si può fare e l’ho fatto personalmente io.Per poter aprire una tale attività non bastano solo i titoli o un consorzio che ci accolga a braccia aperte, ma si devono avere altri requisiti dimostrabili negli ultimi tre anni.

  2. Desidero segnalare altre anomalie relative allo scomparto autoscuole.
    Se un’autoscuola è di tipo A, cioè abilitata a tutte le categorie di patenti, ebbene non può recedere a tipo B cioè a fare le sole patenti inferiori. Deve chiudere.
    Se un’autoscuola aderisce ad un consorzio e il consorzio chiude e non trova un’altro consorzio nella stessa provincia, ma in una provincia confinante ebbene la provincia gli intima di abbassare la serranda.
    Non vedo perchè un’autoscuola non può aderire al consorzio più vicino anche se appartiene ad una provincia confinante.
    Sono curioso come viene normata negli altri stati l’attività di autoscuola.

  3. Considerazioni ineccepibili e giustissime…Dopo aver investito diverse migliaia di euro per corsi obbligatori a sostenere gli esami atti ad acquisire i titoli abilitativi per poi essere autorizzato dalla provincia ad avviare un’ autoscuola, ti scontri con una vera e propria lobby delle autoscuole di tutta la provincia che negano l’accesso al centro istruzione continuando ad operare in regime di monopolio imponendo prezzi esorbitanti e offrendo servizi che erano in voga trent’anni fa. Il tutto, con l’avallo del legislatore che non essendo in grado di scrivere una legge equa, delega le associazioni di categoria a legiferare…..Non vado oltre per non rischiare querele, ma essendo espulso dal mondo del lavoro tre anni fa, a mie spese quasi cinquemila euro, mi specializzo in un settore con molte affinità al mio lavoro precedente ,con la speranza di tornare ad essere produttivo e non pesare più sulle casse già disastrate dell’inps (sono in mobilità da quasi tre anni) Ho mandato lettere a tutti ministro dei trasporti, viceministro, sottosegretari…. Nessuna risposta. Mi vergogno di essere italiano.
    Fabio Ralli

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here