Manca meno di una settimana alla scadenza del termine ultimo per poter inviare la richiesta di ammissione al terzo provvedimento di salvaguardia dalla riforma delle pensioni. L’Inps ha chiarito quali sono i criteri reddituali necessari per poter essere ammessi al beneficio per quanto concerne gli autorizzati al versamento volontario dei contributi e i cessati successivamente agli accordi individuali o collettivi.

Per chi ha preso accordi individuali il tetto di 7.500 euro per il reddito annuo lordo non deve essere stato oltrepassato nel periodo che va dal 4 dicembre al 31 dicembre del 2o11 e poi per ciascun anno completo successivo al 2011. Per colore che invece hanno preso accordi collettivamente, il periodo di osservazione comincia il 30 giungo e termina il 31 dicembre 2012 e per ogni anno completo seguente.

Nel caso in cui le sedi Inps non abbiano certezza in merito ai redditi conseguiti dai possibili ammessi alla salvaguardia, hanno l’obbligo di contattare gli interessati richiedendo loro il rilascio di una dichiarazione di responsabilità.


Questi criteri sono validi per coloro che sono stati estromessi dai due provvedimenti di salvaguardia presi in precedenza in ragione del fatto che in mancanza del requisito di non aver ricominciato l’attività lavorativa successivamente alla cessazione o dopo aver conseguito l’autorizzazione al versamento dei contributi e che ora, invece, possono rientrare nel terzo provvedimento.

L’Inps, inoltre, provvederà a verificare che i requisiti reddituali rimangano inalterati  fino alla liquidazione della pensione.

Leggi la comunicazione dell’Inps che ha come oggetto; Operazioni di Salvaguardia – ulteriori istruzioni operative in merito ai controlli sullo svolgimento di attività lavorativa

Vai allo speciale esodati.


CONDIVIDI
Articolo precedenteMediazione obbligatoria al via oggi per i prossimi 4 anni
Articolo successivoL’ombra della corruzione su Equitalia finita nel mirino Gdf

1 COOMENTO

  1. E’ gravissimo il problema degli esodati.
    Ma è peggiore quello dei truffati dall’INPS che non applica le Leggi o le elude con fantomatoci regolamenti , o non applica le sentenze della Corte Suprema di cassazione . Il sottoscritto sta combattendo una battaglia improba , dal 1987 , con sentenza a suo favore del 15 aprile 2005 della S C.
    Stiamo in piena dittatura .
    Combattere a cosa serve se il tempo comunque passa!!
    Se volete maggiori dettagli per pubblicarli sono a vostra disposizione !!
    Mi potreste aiutare !!! Io non ci credo più nella Giustizia , che è uguale per tutti, sono parole vuote e ipocrite .

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here