l Consiglio dei Ministri, ha approvato il 26 luglio, in via preliminare, il disegno di legge proposto dal Ministro Delrio, contenente disposizioni sulle Città Metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni dei Comuni, presenta criticità e aspetti di dubbia legittimità costituzionale.

Il disegno di legge ora andrà all’esame della Conferenza Unificata per poi tornare all’esame del governo per l’approvazione definitiva per essere poi trasmesso alle Camere.

Sulla base della bozza trasmessa in data 16 luglio, per l’esame del Preconsiglio e successivamente modificata, sono numerosi i dubbi e le incongruenze che derivano da una prima valutazione del testo.


Davvero singolare l’incipit stesso della riforma ordinamentale, tanto declamata con instancabile attività dal Ministro, contenuta nell’art. 1, comma 1: “La presente legge detta disposizioni …anche in attesa della riforma costituzionale ad esse relativa”.

La creatività dei novelli legislatori cresce di giorno in giorno.

Si detta una riforma ordinamentale di enorme portata “… anche in attesa di una riforma costituzionale” di cui, a meno di non essere veggenti, non si conoscono tempi e contenuti.

Al contrario, a meno di non voler stravolgere i principi costituzionali, si tratta invece di una riforma a costituzione vigente, alle cui disposizioni – piaccia o no – anche il Governo Letta e il Ministro Delrio devono attenersi.

Secondo il progetto Delrio, il nostro sistema dovrà essere articolato nel modo seguente:

1) Le Città Metropolitane quali enti territoriali di secondo livello con finalità istituzionali generali e funzioni specifiche;

2) Le province quali enti territoriali di secondo livello “fino alla data di entrata in vigore della riforma costituzionale ad essere relativa”

3) Le Unioni di Comuni quali enti locali costituiti da due o più Comuni per l’esercizio associato di funzioni o servizi

Le Città Metropolitane

Nel disegno di legge Delrio:

1) Vengono istituite, a decorrere dal 1° gennaio 2014, le Città Metropolitane di Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria il cui territorio coincide con quello delle rispettive Province, con funzioni limitate all’approvazione dello statuto fino alla data di subentro alla provincia omonima previsto per il 1° luglio 2014;

2) Il sindaco del Comune capoluogo è il sindaco della città metropolitana almeno fino ad un triennio dalla costituzione; successivamente è rinviato ad un’eventuale legge elettorale ed allo statuto l’elezione a suffragio universale;

3) Il consiglio metropolitano è costituito dal sindaco metropolitano, dai sindaci dei comuni con più di 15.000 abitanti e dai presidenti delle unioni di comuni con almeno 10.000 abitanti;

4) La conferenza metropolitana è costituita da tutti i sindaci dei comuni appartenenti alla città metropolitana;

5) Le funzioni della città metropolitana sono:

a) Adozione del piano strategico metropolitano

b) Pianificazione territoriale generale, comprese strutture di comunicazione, reti di servizi e infrastrutture;

c) Strutturazione e organizzazione dei sistemi coordinati di gestione dei servizi pubblici

d) Mobilità e viabilità

e) Sviluppo economico e sociale

f) Informatizzazione e digitalizzazione

g) Le funzioni delle Province

6) Spettano alla città metropolitana il patrimonio, il personale e le risorse strumentali della Provincia a cui ciascuna città metropolitana succede a titolo universale

7) Il personale trasferito mantiene la posizione giuridica ed economica in godimento all’atto del trasferimento.

8) Specifiche disposizioni sono dettate per la città metropolitana di Roma capitale

Pertanto:

a) La Città metropolitana è un ente locale di area vasta tanto quanto le Province attuali

b) Non sostituisce i Comuni

c) E’ espressamente dotato di autonomia organizzativa e finanziaria

d) E’ ente costitutivo della Repubblica, visto l’espresso richiamo dell’articolo 114 della Costituzione (vedi art. 2 del ddl) e nessuna riserva per la futura riforma costituzionale, come previsto per le Province

e) Si ribadisce l’esigenza di un ente di area vasta, che potrà essere anche dotato di rappresentatività diretta, con le funzioni delle Province e di altre previste dal ddl o che potranno essere assegnate dalle Regioni

Le Province

1) Sono organi delle Province:

a) Il Presidente: deve essere un sindaco in carica eletto dall’assemblea dei sindaci della Provincia;

b) Il Consiglio Provinciale: composto dai sindaci dei comuni con più di 15.000 abitanti e dai Presidenti delle unioni di comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti

c) L’assemblea dei sindaci: costituita dai sindaci dei comuni appartenenti alla Provincia

2) Non si tiene conto degli organi provinciali in carica che, anche se non giunti a scadenza naturale, decadono per far posto ai nuovi organi. Il Presidente in carica deve infatti convocare l’assemblea dei sindaci entro venti giorni dalla proclamazione dei sindaci eletti a seguito delle prime consultazioni amministrative successive alla data di entrata in vigore della legge

3) Sono funzioni delle Province

a) Pianificazione territoriale provinciale di coordinamento nonché tutela e valorizzazione dell’ambiente per gli aspetti di competenza;

b) Pianificazione dei servizi di trasporto in ambito provinciale, autorizzazione e controllo in materia di trasporto privato nonché costruzione, classificazione e gestione delle strade provinciali e regolazione della circolazione stradale ad esse inerente;

c) Programmazione provinciale della rete scolastica

4) Le altre funzioni di competenza statale sono trasferite ai Comuni o alle unioni di comuni con apposito dpcm da adottare entro il 31 marzo 2014;

5) Le altre funzioni di competenza regionale, salva l’assunzione diretta da parte della Regione, sono trasferite ai comuni o alle unioni di comuni;

6) Regioni e Comuni possono delegare alle Province riordinate specifiche attività.

Le motivazioni contenute nella relazione tecnica predisposta dal Ministero suscitano perplessità.

Obiettivo della legge è “dare risposte importanti alle esigenze del presente”.

Sulle Province

Fra le esigenze di dare risposte, quella oggi, nell’immediato, di maggiore importanza è certamente la riforma delle province. Va infatti detto con chiarezza che l’effetto immediato della sentenza della Corte costituzionale n. 220/2013 è quello di determinare una situazione nella quale, in assenza di provvedimenti normativi adeguati, tutto il nostro sistema di autonomie locali sarebbe costretto a fare un clamoroso passo indietro rispetto alle ambizioni di questi anni. Senza interventi legislativi immediati, infatti, alle prossime consultazioni amministrative del 2014 si dovrebbe procedere al rinnovo degli organi delle province secondo le modalità e le previsioni del TUEL, ripristinando così, proprio nel momento in cui le si vogliono cambiare profondamente, le province quali le conosciamo e le abbiamo conosciute nei decenni passati”.

Tornare ad elezioni democratiche, per il Governo, significa fare un clamoroso passo indietro rispetto alle ambizioni – quali ambizioni? perseguite da chi? – di questi anni.

Sulle Città metropolitane

Il progetto di legge disegna un modello di città metropolitana molto innovativo (…). Innanzitutto il suo territorio coincide con quello della Provincia attualmente esistente, alla quale si sostituisce. In secondo luogo le sue funzioni sono tutte quelle della provincia ma arricchite da poche essenziali nuove funzioni fondamentali in grado di assicurare all’ente quel salto di qualità verso il governo dell’area metropolitana, che è il suo scopo e la sua missione istituzionale. In terzo luogo i suoi organi sono pensati in modo da garantire e assicurare non solo la coincidenza obbligatoria fra sindaco del comune capoluogo e sindaco metropolitano (…). Solo successivamente al 2017, e sempre che sia stata emanata la necessaria legge elettorale statale, potrà essere possibile ricorrere a forme di elezione a suffragio universale”.

Ci chiediamo: perché mai nell’area metropolitana di Bologna (998.000 abitanti), Reggio Calabria (566.000 abitanti), Genova (900.000 abitanti), Bari (1.200.000 abitanti) etc. dovrebbe rispondere a finalità di efficacia ed efficienza istituire un ente intermedio tra Regione e Comuni, con le funzioni della Provincia integrate con altre di area vasta, e lo stesso principio non vale per Province come Verona, Treviso, Vicenza, Padova, solo per restare in Veneto, con una media di 900.000 abitanti ciascuna?

Ed alcune delle città metropolitane previste, come appunto Bologna, Reggio Calabria o Genova, hanno un numero di abitanti inferiore a quello di molte Province di cui si paventa lo svuotamento di funzioni.

Perché mai per i cittadini della Provincia di Venezia è più efficiente che ad occuparsi di “promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale” sia la città metropolitana e per i cittadini confinanti della provincia di Padova è più efficiente che se ne occupino i Comuni o la Regione?

E’ chiaro che la città metropolitana ha senso soltanto se gestisce un territorio omogeneo, con problematiche comuni, non semplicemente per successione universale alla corrispondente soppressa Provincia.

Piuttosto sono proprio le considerazioni del Governo nella relazione tecnica che avrebbero dovuto imporre una riflessione attenta che partisse dalle competenze, da una valutazione effettiva di efficienza ed efficacia della loro gestione, prima di fissare la soppressione di un certo numero di Enti nell’assoluta incertezza dei benefici sotto ogni punto di vista.

Al contrario l’impostazione seguita dal Governo ci porta a ritenere che il fulcro principale della decisione di istituire le Città metropolitane sia la soppressione delle corrispondenti Province e non un chiaro disegno organico e definito della nuova Istituzione.

La grande riforma non si giustifica neanche per una riduzione di spesa.

Si legge nella relazione tecnica: “Per quanto attiene alle Province non si ravvisano nuovi o maggiori oneri in quanto il presente provvedimento è finalizzato a riordinarne l’attuale assetto allo scopo di costituire un ente di area vasta che opera per l’integrazione delle attività dei Comuni ad opera sostanzialmente dei rappresentanti dei Comuni stessi mantenendo un numero limitato di funzioni amministrative proprie”.

Tradotto: nessun risparmio immediato.

In più: l’art. 23 comma 8 del ddl aggiunge: “In relazione alle disposizioni della presente legge riguardanti province e città metropolitane nulla è innovato con riferimento all’organizzazione periferica delle amministrazioni centrali dello Stato”.

Quindi nessun intervento.

Risultato finale: diversi organizzazione ed assetto di competenze nel territorio nazionale, sulla base delle città metropolitane, ulteriore confusione, anziché semplificare si aggiunge un ulteriore livello di governo , le unioni di comuni.

Ma se le Province riformate dovranno essere – nel disegno del Governo – essere gestite dai Comuni, perché mai prevedere le unioni di comuni, come enti locali autonomi rispetto ai comuni stessi, cui trasferire le funzioni delle Province anziché lasciarle alle Province stesse?

Viene meno il principio della rappresentanza democratica dei territori, con conseguenze negative soprattutto per i piccoli comuni in considerazione del meccanismo di rappresentanza, con voto ponderato, che favorisce i comuni maggiori.

La fretta, l’ossessione del Governo Monti e dell’allora Ministro Patroni Griffi prima e del Governo Letta adesso e del Ministro Delrio nell’affrontare in modo confuso e disorganico il tema della riforma degli enti locali appaiono davvero incomprensibili.

Basta ricordare che il Senato della Repubblica ha approvato nella seduta di giovedì 11 luglio il disegno di legge costituzionale per l’istituzione del Comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali, che all’art. 2, comma 10, prevede che il Comitato deve disporre la consultazione delle autonomie territoriali, a fini di coinvolgimento nel processo di riforma. Evidentemente, in particolare per la modifica del titolo V, appare necessaria la consultazione di Regioni, Province e Comuni.

Non si comprende, pertanto, la coerenza del Governo che ha ritenuto invece di accelerare l’approvazione di un disegno di legge costituzionale per la soppressione delle Province, non organico al progetto complessivo di riforma e per l’approvazione del quale il Presidente del Consiglio Letta ha auspicato tempi brevissimi, anticipato addirittura da un disegno di legge ordinario (non può ricorrere al decreto legge solo perché la Corte Costituzionale è stata chiarissima sul punto), come fosse la principale emergenza del Paese.

Al contrario, per una riforma organica, si sarebbe dovuto procedere, come da più parti sottolineato, ad un organico processo attuativo della riforma del Titolo V della Costituzione, incentrato su tre assi principali:

1. Valorizzazione dell’autonomia come responsabilità. Comuni e Province devono essere considerati come enti di governo delle rispettive comunità, titolari di una sfera di autonomia che non è loro concessa, ma che si configura quale elemento significativo di una condizione istituzionale che la Carta riconosce perché intrinseca alla loro ragione d’essere, ferma restando ovviamente l’unità e l’indivisibilità del sistema.

2. Riconoscimento di centralità e pari dignità dei soggetti costitutivi della Repubblica ai sensi dell’art. 114 Cost. senza alcuna gerarchia, ma semmai qualificando i ruoli istituzionali dei diversi soggetti del sistema. Da qui, allora, la necessità che il ruolo delle Regione si limiti al carattere legislativo e programmatorio, mentre l’amministrazione e la gestione dei servizi pubblici deve essere incentrata sulle amministrazioni comunali e provinciali.

3. Chiarificazione delle funzioni dei diversi soggetti del sistema, che sono poi l’aspetto che comporta la maggiore spesa ed i maggiori costi, evitando sovrapposizione di interventi sulla medesima materia. La nuova Carta delle Autonomie, il cui esame si è bloccato nel corso della passata legislatura, dovrebbe essere la base fondamentale di una vera riforma, fuori dagli slogan e dalle proposte demagogiche.

Occorrerebbe dunque che sulla riforma delle Province e dell’intero assetto delle istituzioni locali si apra un confronto serio, che parta dalla Costituzione, e che affronti fuori dagli slogan e con i conti in mano una questione tanto importante per il Paese.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteStop allo spoil system dei componenti laici della magistratura
Articolo successivoObbligazione contributiva dei lavoratori autonomi e subordinati e le liti fiscali

6 COMMENTI

  1. Ritengo che l’ente territoriale superfluo, in Italia, siano le Regioni, sia quelle ordinare che quelle speciale. Non vi alcun movimento politico che manifesti l’intenzione di abolirle, nonostante le insopportabili manifestazioni di sperpero del pubblico denaro e di inadeguatezza a svolgere le funzioni loro affdate. E ciò succede, principalmente, perchè la classe dei politicanti mira ad aumentare i posti di governo foraggiati da sostanziosi appannaggi, che non sono raggiungibili, legttimamente, dalle seggioline provinciali .
    Basta osservare che la riduzione delle indenità ai parlamentari, in attesa della riduzione del loro numero, è stata operata in modo quasi virtuale: quando si tratta dei loro appannaggi i parlamentari nostrani sono volpini
    Dopo che, per anni, il legislatore ha fatto crescere il numero delle Province, già folto alla fine della seconda guerra mondiale, all’improvviso si accorge che sono inutili, superflue, e che la loro abolizione comporterà una riduzione dell’eccessiva spesa pubblica: così si fa credere alla pubblica opinione.
    Le Province sono condannate…per la spesa pubblica non ci sarà alcuna economia, ma la la mala politica la farà passare come se ciò fosse.

  2. ABOLIZIONE DELLE PROVINCE. NON CI SARANNO RISPARMI MA TANTE PIU’ SPESE.
    Il Governo in carica per non esser da meno di altri precedenti va dietro gli spots e non riflette.
    L’abolizione delle province è fumo negli occhi e smantellamento di enti previsti da una Costituzione scritta da persone di grande e larga cultura e in possesso di una enorme carica morale forse dovuta anche ai tempi in cui essa fu partorita.
    Riflettendo con calma risulta evidente che dalla abolizione delle province non deriva alcun risparmio. Infatti:
    – le loro funzioni devono obbligatoriamente essere svolte da un altro ente, altrimenti si eliminano servizi ai cittadini;
    – il loro costo ‘ quanto meno ‘ sarà pari a quello attuale.
    Ma, se la prospettiva è quella della loro sostituzione – attualmente sono in numero di 107 oltre Trento, Bolzano – con altri enti ( Città metropolitane e, peggio, con unioni di comuni) immancabilmente il numero degli enti lieviterà unitamente al costo dei servizi e delle spese generali.
    Che dite, ci vuole un oracolo per prevedere tutto questo?
    Considero le Province utili. Sarebbe sufficiente, per ottenere i risparmi che si dice deriverebbero dalla loro abolizione: 1) ridefinire seriamente i territori di loro competenza iniziando dal riaccorpamento di quelle disgregate; 2) rivedere la consistenza e la formazione degli organi politici per rendere snella la loro amministrazione e ridurre i costi politici; 3) abolire le figure inutili com’è quella del Direttore Generale, figura questa da far scomparire anche nei comuni; 4) cancellare gli staff dei Presidenti, dei Sindaci, degli Assessori; 5) ridurre gli organi di controllo ad uno solo o abolirli completamente dando il controllo ad altri organismi già deputati a tale compito; 5) proibire in tutto il settore pubblico il ricorso alle consulenze e alle collaborazioni utilizzando le professionalità interne anche in modo trasversale o con mobilità temporanee secondo la necessità.
    Inoltre,Il risparmio aumenterebbe notevolmente se: 1) si ridefinissero le funzioni e le competenze degli enti istituzionali evitando inutili duplicazioni di interventi; 2)si eliminassero, questo si, gli oltre 7000 enti inutili denunciati dalla stessa politica oltre alle tante agenzie regionali, il cui numero non è dato di sapere, e che i cittadini neanche conoscono, nelle quali spesso il numero dei dipendenti e uguale a quello dei componenti il CDA.
    Le loro competenze possono tranquillamente essere svolte dai ministeri e dagli assessorati competenti.
    Si risparmierebbe molto, ma molto di più. Vero ?
    Mi fermo qui.
    Mi scuso per la lunghezza della nota con tutti quelli che la leggeranno, ma mi scuso anche per aver sorvolato su altre simili questioni.
    A tutti un cordiale e sincero saluto.

  3. Non ho alcuna intenzione di accollare ai dipendenti delle province colpe che questi non hanno. Sostengo soltanto che il pubblico impiego, tutto il pubblico impiego e tutti gli apparati burocratici debbo diventare soggetti utili e produttivi, come quelli dei paesi più moderni. Dalla burocrazia italiana bisogna eliminare ogni tipo di privilegio.

  4. Non e vero quello che dice il ministro Delirio le PROVINCE sono enti utili, lavorano.Siete voi a far credere a noi Italiani che abolendo le Province si risolve tutto, anzi siamo sempre noi cittadini che subiamo danni Vergognatevi TUTTI meglio elezioni anticipate LE PROVINCE VANNO RAFFORZATE, ELETTE DAL POPOLO, Andatevene a casa tutti

  5. Riflessioni più che valide, tutte da sottoscrivere. Altri aspetti da chiarire:

    1) perché mai la Città Metropolitana DEVE corrispondere con la ex provincia? E se i comuni più periferici non volessero farne parte (vedi le valli alpine per Torino o le valli appennine per Roma)? E se invece altri comuni fuori dalla provincia volessero entrare (es. Firenze-Prato-Pistoia, oppure Venezia-Padova-Treviso)?

    2) Ma perché 10 città metropolitane e non 15, o 5? Come già notato da voi, ci sono province che raggiungono oltre un milione di abitanti, ma che non sono considerate città metropolitana.
    Alla luce di questo, si invita davvero a riconsiderare la lista delle Città Metropolitane italiane: come nel resto del mondo, l’istituto delle città metropolitane non è esteso a tutte le città di grandi dimensioni (come vorrebbero fare da noi) ma riguarda solo le METROPOLI di carattere INTERNAZIONALE composte dal comune centrale che ha più di un 800-900mila abitanti: ROMA; MILANO; NAPOLI; TORINO. Sulle altre, c’è molto da discutere.

    cittametropolitane.blogspot.it

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here