Novità in arrivo per gli esodati, dopo il lungo stallo seguito alle istruzioni dell’Inps per la salvaguardia relativa all’ultimo dei tre decreti emanati dal precedente governo. Stavolta, sembra siano in arrivo nuove risorse, ma c’è poco da stare allegri.

Si tratta, infatti, di “soli” 36 milioni di euro entro la fine dell’anno, che dovrebbero essere incanalati nel Fondo sociale per l’occupazione del Ministero del Welfare tramite un’apposita posta di bilancio. L’obiettivo sarebbe quello di assicurare un certo sussidio a coloro ancora sprovvisti dell’adeguata contribuzione in seguito all’ammissione alla salvaguardia.

Come noto, infatti, tra le ultime comunicazioni dell’istituto di previdenza, figurano anche gli “stati dell’arte” sulla soluzione del problema esodati, un metodo fortemente voluto dal nuovo ministro Enrico Giovannini per tenere aggiornato il calcolo dei “rientranti” all’interno del sistema previdenziale.


I dati, però, sono tutt’altro che confortanti: a un anno dal primo decreto salva esodati, infatti, sono soltanto 12mila le pensioni erogate, a fronte di 130mila situazioni prese in carico dallo Stato e di altre 200mila invece ancora insolute.

Un quadro che richiederebbe ben altri esborsi economici da parte dello Stato, con la Ragioneria generale aveva quantificato la copertura completa per il dramma degli esodati in oltre 10 miliardi di euro, valutandola troppo esosa per le casse pubbliche e spingendo, così, i vari governi ad adottare rimedi circoscritti in serie.

Un altro dato interessante emerso dai rendiconti dell’Inps, in aggiunta, riguarda le “eccedenze” di posizioni che rimangono aperte rispetto a quelle originariamente decretate. Ad esempio, nel primo testo che apriva le porte a 65mila non salvaguardati, oltre 3mila accessi non sono stati assegnati. Una media che, se confermata anche dai due successivi decreti, potrebbe lasciare in dote un “tesoretto” da reinvestire per tutelare nuovi casi di esodo.

Anche a questo proposito, allora, il Fondo che verrà rimpinguato di 36 milioni extra, potrebbe essere utilizzato per coprire ulteriori posizioni ancora scoperte dopo gli ultimi 10.130 tratti in salvo con la legge di stabilità.

Vai allo speciale esodati di LeggiOggi

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteMatrimoni gay: sentenza storica in Usa, estesi i benefici federali
Articolo successivoRivalutazione Partecipazioni: gli effetti dell’omessa indicazione in Unico

4 COMMENTI

  1. Sono del 1950 esodato nel 2010, salvaguardia ministero del lavoro sia per per il primo scaglione dei 65000 e dei 55000 , ma per l’INPS non ho diritto alla salvaguardia per mancanza di contributi…. e chiaro che se avessi continuato a lavorare non avrei avuto questi problemi.
    Speriamo nel SUSSIDIO che ho appena letto su oggi.it altrimenti dovrò aspettare i 66 anni con la pensione di Vecchiaia…. ma vi sembra giusto che noi lavoratori Italiani abbiamo un Welfare da terzo mondo!

  2. ho lasciato il lavoro il 31 marzo 2011,mi hanno escluso senza motivo dai primi 65mila salvaguardati, mi hanno ripescato nei 55mila, con la vecchia legge dovrei andare in pensione il primo ottobre 2013, da quello che ho testè letto non so più a che Santo votarmi per avere notizie certe, auguro alla fornero di ridursi a chiedere l’elemosina e che a fargliela sia io

  3. IL 12/04/213 L’INPS MI HA COMUNICATO DI ESSERE UNO DEI 65000 SALVAGUARDATI. HO FIRMATO PER ESODO VOLONTARIO IL 12/06/2011. COME E’ POSSIBILE CHE A TUTT’OGGI NON POSSO PERCEPIRE LA PENSIONE AVENDO ANCHE VERSATO CONTRIBUTI VOLONTARI PER 9.900.00 EURO. NON SI PUO’ ASPETTARE 2 ANNI SENZA STIPENDIO O PERNSIONE MENTRE TUTTI I PAGAMENTI DEVONO ESSERE FATTI MENSILMENTE: AFFITTO, ACQUA, LUCE, GAS,TASSE COMUNALI RSU, ACQUISTO CIBO E TICKET SU MEDICINE E SU QUALSIASI TIPO DI ANAISI MEDICHE, ELIMINANDO TUTTO IL SUPERFLUO…, PENA ATTI INGIUNTIVI. ANCHE IL NUOVO GOVERNO PARTE CON IL PIEDE SBAGLIATO COME IL PRECEDENTE. LORO NON HANNO PROBLEMI DI SOPRAVVIVENZA !

  4. questo e’ il peggior paese in cui uno possa nascere,ma siccome la storia insegna che chi la fa l’aspetti,adesso per qualche anno pagheranno quei poveri cristi che si trovano senza lavoro e senza pensioni solo perche’ avevano programmato la loro vita pensando di essere in un paese normale,ma poi sara’ tutta l’italietta a soffrire per anni questa mancanza assoluta di serieta’e di correttezza.Fossi nella sig.ra? FORNERO scarsissimo
    ministro,scarsissimo insegnante,scarsiissimo professionista mi cercherei una anonima residenza in qualche valletta austriaca perche’ in italia tirera’ una brutta aria.
    ps.in AUSTRIA parlano tedesco la sig.ra’? FORNERO non ha una grande dimestichezza con le lingue di nessun tipo.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here