E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.144 del 21-6-2013 – Suppl. Ordinario n. 50 il Decreto legge 21 giugno 2013 n. 69, recante “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”, meglio conosciuto come il c.d. Decreto Fare.

Il provvedimento entra in vigore oggi, 22 giugno 2013.

Qui il testo completo del decreto.


Vai allo Speciale Decreto Fare 2013


CONDIVIDI
Articolo precedenteL’autonoleggio è la misura contro la crisi; parola dell’A.D. di Leasys
Articolo successivoNomine laici Consigli di Presidenza delle giurisdizioni speciali: trasparenza e indipendenza

7 COMMENTI

  1. la mediazione obbligatoria è assolutamente inutile ed è incostituzionale per violazione dell’art. 24 della Costituzione, aggiunge un costo e tutela chi ha torto. La giustizia deve essere direttamente accessibile a tutti i cittadini che hanno il diritto di essere giudicati da Giudici Togati e vincitori di concorso pubblico. Quindi occorre innanzitutto sopprimere tutti i giudici onorari compresi i giudici di pace, strutturare il processo alla decisione finale e regole severe e certe per la soccombenza. Quindi, bandire i concorsi per creare professionisti di Cancellieri e Giudici, ed amministrare i soldi pubblici in modo corretto. Non è vero che in Italia mancano i soldi, sono solo gestiti malissimo, vedasi gli ATO per i rifiuti da anni che si dice che sono un fallimento ma sono sempre li.

  2. ESPRIMO TUTTA LA MIA FELICITA’ E LA MIA STIMA PER AVERE RIMESSO IN VIGORE L’ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE PROFESSIONALE CHE RAPPRESENTA L’UNICA STRADA PER USCIRE DAL BLACK OUT DELLA GIUSTIZIA IN ITALIA.
    CONGRATULAZIONI.

  3. Decreto che serve solo a non far pagare piu le tasse a tanti evasori e a prendere in giro ai soliti fessi che le tasse le pagano.

  4. Provvedimento “blando” – accise benzina: scarsa fantasia – questo Governo deve mettere mano alla tassazione irpef sui redditi, diminuendo per i redditi bassi e incrementando su quelli alti, superando così legittimamente la sentenza della Corte Costituzionale.
    Troppi rinvii: via l’IMU sulla prima casa e l’aumento IVA. –

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here