Riforma delle pensioni ufficialmente in congelatore dopo le dichiarazioni dei giorni scorsi dei ministri dello Sviluppo economico Zanonato e del collega, responsabile del Tesoro Fabrizio Saccomanni. Ciò nonostante, la questione esodati resta sempre aperta e, proprio per questa ragione, l’iter di ammissione alla salvaguardia prosegue nel solco tracciato dal precedente governo.

Per la verità, ieri, alla prima giornata del G8, c’è stata l’opportunità di discutere di pensioni, in particolare tra il premier Enrico Letta e il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, al primo incontro ufficiale dei rispettivi mandati. Discutendo di disoccupazione giovanile con l’inquilino della Casa Bianca, Letta ha ricordato che a penalizzare l’ingresso nel mercato del lavoro delle giovani generazioni, sono intervenute, anche in Italia,riforme delle pensioni che hanno “tutelato i cinquantenni”, rendendo ancor più ostica la possibilità per gli entranti di trovare un posto fisso o, quantomeno, stabile.

Questa, ad avviso del presidente del Consiglio, dovrebbe essere la principale ragione per cui in Italia, ma un po’ in tutto il vecchio Continente, il tasso di disoccupazione giovanile è ormai schizzato ai massimi storici dall’ultimo dopoguerra e, in generale, da quando esistono statistiche accurate in merito.


L’affermazione del premier, però, non avrà fatto certamente piacere agli oltre 300mila esodati, naturalmente tutti over 50, che con ogni probabilità non condivideranno le affermazioni del Capo del governo, sentendosi appartenenti a una fascia tutt’altro che privilegiata negli ultimi anni dalle politiche di welfare. Una riforma delle pensioni che abbandona centinaia di migliaia di contribuenti a pochi anni dalla maturazione dei requisiti per il trattamento pensionistico, difficilmente può essere pubblicizzata come una legge che tutela i lavoratori di lungo corso, per quanto queste nuove leggi abbiano cercato di salvare i conti della previdenza già in dissesto.

Nel frattempo, come dicevamo, la questione esodati è tutt’altro che risolta, come certificano anche gli ultimi dati dell’Inps in merito alle pensioni regolarmente attivate dall’inizio delle operazioni di rientro.

E su 130mila situazioni accolte per il conferimento dell’assegno mensile, al momento sono soltanto 11mila quelle che hanno concluso le operazioni e ricevono regolarmente la quota di pensione sudata con anni e anni di lavoro e di versamenti dei contributi.

Per le prossime settimane, se non si attendono sviluppi sul fronte della riforma, potrebbero arrivare però nuove delucidazioni per il riconoscimento dei requisiti per l’ultimo decreto, sulle cui fattispecie di reinserimento sono state diramate le caratteristiche proprio nei giorni scorsi. Tutto questo, mentre gli esodati ancora a piedi attendono di scoprire se e quanto dovranno versare entro fine mese, naturalmente senza avere la benché minima certezza di ricevere la pensione nel prossimo futuro. Perciò, i sindacati hanno già annunciato una manifestazione congiunta per sabato 22.

Vai allo speciale riforma pensioni di Leggioggi

Vai allo speciale esodati di Leggioggi


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto Fare e l’indennizzo per ritardo nei procedimenti: la sublimazione del populismo
Articolo successivoMaturità 2013: si parte domani. Ecco le possibili tracce del tema

8 COMMENTI

  1. se letta ha veramente lodato la fornero è veramente un pisano di merda e che il vento lo disperda. la legge fornero porterà altri morti perchè migliaia di lavoratori rimarranno senza lavoro e senza pensione: di che vivranno? mentre gli evasori fiscali ( 200 milardi anno ) se la ridono alla grande. l’onorevole Damiano aveva proposto e dato la certezza che con a 62 anni di età e 35 di contributi si sarebbe andati in pensione. ora non va più bene? BUFFONI MALEDETTI

  2. l’ormai ex amico letta sta intrapendendo una altra strada. ho votato sinistra e tanta simpatia verso bersani nonostante il suo accanimento contro: evasori, tasse, tolleranza zero…ma ogni cosa ha un limite. ho 60 anni in mobilità e trasferito in un ospedale dove trovo colleghi stanchi che elargiscono doni: guardie notturne, servizio in ospedali a 70 km distanti, e dulcis in fondo ti educano alle nuove metodiche tac, mdc,… e come se non bastasse per meglio imparare ti lasciano solo. Cari signori diceva grillo: vi abbiamo scoperto, siete accerchiati…evidentemente letta vuole un altro movimento a stelle, o cerca di fondare un altro movimento?

  3. come si fa a lodare la fornero quando ormai è stato acclarato il disastro che ha creato, certo se si guarda il risparmio a vantaggio della classe politica e dei grandi pensionati, sicuramente il vantaggio esiste, contrariamente a distrutto l’esistenza di tanti lavoratori che con una legge dello stato aveva contanto di andare in pensione fra qualche anno è invece la fornero, assieme ai politicanti da strapazzo dalla sera al mattino hanno allungato l’età pensionabile di 6-7 anni vergognosamente, non solo,poichè è stato introdotto anche il sistema contributivo ancora una penalizzazione, questi rubano ai llavoratori che hanno contribuito con il proprio lavoro 40 anni a tenere il famigerato PIL e lor signori con 2 anni e qualche mese percepiscono pensioni, perchè poi hanno anche la pensione del loro lavoro, nonostante i contributi vengono garrantiti dallo stato, se poi hanno fatto come alcuni prima il senatore poi l’onerevole, poi consig. regionale, poi il consig. reg. sommate voi e vedete cosa portano a casa vedi CIAMPI-DINI_AMATo ecc.,eccc. ma vi pare GIUSTO? giratela ai politicanti che hanno portato l’italia in questo stato, e dai poveri lavoratori voglioni essere mantenuti, perchè noi dobbiamo lavorare per mantenerli a vita è giusto e anche il nuovo P:d:C. parole -parole anzicchè tutelare gli italiani lavoratori e i pensionati parole-prole..povera italia………in quali mani è andata a finire

  4. Gli ITALIANI.

    Noi dobbiamo pensare agli ESODATI.
    La FORNERO ha fatto danni e dobbiamo riparare.
    Chi ha fatto accordi deve essere tutelato.

    Adesso tutte le testate giornalistiche non parlano più di niente.

    Ad oggi il PREMIER LETTA elogia la Riforma Fornero.

    Complimenti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Se un indomani la popolazione cresce a dismisura si useranno i FORNI CREMATORI.

    IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI.

  5. Il fatto che LETTA lodi miss lacrime di coccodrillo in arte FORNERO significa solo 1 cosa,che anche LUI è un pagliaccetto più che manovrabile.COMPLIMENTI siamo davvero in OTTIME MANI…………

  6. Dopo le promesse in tema di esodati avvenute a governo insediato , adesso, l’Onorevole Letta , avendo ottenuto dagli Italiani un nuovo consenso alle amministrative può tranquillamente fare marcia indietro sulle promesse fatte e NON MANTENUTE. Bugiardo come Pinocchio! Vergogna

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here