Pronti i moduli per la domanda di accesso al terzo contingente di salvaguardati. I lavoratori esodati che presentano i requisiti richiesti per l’ammissibilità, infatti, possono consultare i moduli direttamente nella pagina web del sito Inps. In applicazione del decreto interministeriale del 22 aprile scorso, due delle quattro categorie beneficiarie sono chiamate a presentare la richiesta all’Istituto di previdenza entro il 25 settembre. I referenti sono i lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione entro il 4 dicembre 2011, 1.590 posti annunciati, ed i lavoratori autorizzati alla contribuzione volontaria sempre entro il 4 dicembre 2011 ma collocati in mobilità ordinaria alla stessa data, 850 posti a disposizione.

Per coloro che entrano a far parte della prima categoria, ai fini compilatori, vale il modulo AP90, mentre per coloro che sono compresi nella seconda, quello AP91, entrambe disponibili nella sezione “modulistica” del sito dell’Inps, specificatamente www.inps.it/modulistica/homepage.asp. Nei due moduli, a pagina 2, il lavoratore interessato alla compilazione dovrà segnalare, rispettivamente, se l’attività lavorativa è stata ripresa a seguito dell’autorizzazione o invece dopo “il periodo di fruizione dell’indennità di mobilità”. La valenza dell’informazione, nei confronti degli autorizzati alla contribuzione volontaria, si ricollega al diritto di accesso al provvedimento di salvaguardia, dal momento che questi soggetti possono sì aver ripreso l’attività occupazionale successivamente all’autorizzazione, sempre però a condizione di non essere dipendenti a tempo indeterminato, ma tuttavia non possono aver ricavato, dopo il 4 dicembre 2011, da tali attività un reddito annuo lordo complessivo superiore ai 7.500 euro.

Entrambe i moduli, una volta completata la compilazione, dovranno essere trasmessi via telematica. I canali per l’inoltro sono tre: i patronati, l’applicazione “invia moduli online” all’interno della sezione modulistica del sito Inps (ovviamente mediante Pin dispositivo), o infine un qualsiasi indirizzo di posta elettronica certificata verso l’indirizzo Pec della competente sede Inps. Le istruzioni relative alle modalità di presentazione delle domande sono contenute nel messaggio n. 8824 del 30 maggio 2013. Bisognerà, invece, ancora attendere per avere specifiche istruzioni in merito alle altre due restanti categorie di lavoratori interessati alla terza tranche di salvaguardia prevista dalla legge di stabilità (l. 208/2012) e dal decreto interministeriale del 22 aprile.


Queste, rispettivamente, trattano: i lavoratori che hanno lasciato l’occupazione entro il 30 settembre 2012 e sono stati messi in mobilità o in deroga in risultato ad accordi governativi o non governativi sottoscritti entro il 31 dicembre 2011; e i lavoratori che hanno risolto il rapporto lavorativo entro il 30 giugno 2012 a seguito di accordi individuali o collettivi di incentivo all’esodo. Il termine del 25 settembre segnala, per chi detiene i requisiti prescritti per l’accesso, la scadenza entro cui poter spedire alle Direzioni territoriali del lavoro (dtl) la relativa richiesta. Le indicazioni nel merito di questo adempimento dovranno essere fornite dal ministero, il quale, presumibilmente tramite una circolare, segnalerà tutte le istruzioni del caso, come per altro già avvenuto con i primi due decreti di salvaguardia.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLaurea solo in inglese, il Tar boccia la scelta del rettore del Politecnico di Milano
Articolo successivoUnico 2013; dopo la proroga ecco la guida alla dichiarazione sicura

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here