Pubblica amministrazione e semplificazione

Gianpiero D’Alia, 46 anni, Udc

Vanta una lunga esperienza politica, classe 1966, Gianpiero D’Alia, deputato eletto alla Camera con l’Udc nel febbraio 2013 e vicepresidente del gruppo Scelta Civica per l’Italia. Con l’Udc era già stato eletto alla Camera nel 2001 e nel 2006. Ha ricoperto prima il ruolo di segretario per la legislazione e della Giunta per le elezioni, e poi è stato nominato sottosegretario all’Interno nel terzo Governo Berlusconi, sempre in quota Udc. Nel 2008 era stato eletto al Senato e all’ultima tornata politica è tornato alla Camera con Scelta Civica essendo vice capo gruppo vicario.

Priorità

Il primo cruccio da affrontare riguarda i circa 150mila precari della Pa, in proroga fino a luglio grazie ad una norma-ponte della legge di Stabilità. Bisogna poi gestire la questione inerente gli esuberi, a seguito dei vari dei decreti attuativi sulle nuove dotazioni organiche determinate dalla spending review mancano infatti gli accordi operativi sui prepensionamenti e la mobilità. Per quanto attiene alle semplificazioni bisogna invece seguire il cantiere attuativo che promette risparmi per oltre 9 miliardi annui su oneri amministrativi che attualmente pesano 31 miliardi sulle spalle di imprese e singoli cittadini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. Salve Ministro, sono un’idonea al Concorso del Comune di Napoli del 2010.
    Ho aspettato con tanta pazienza che la graduatoria scorresse per veder arrivare il mio turno ma in prossimità del Natale il Governo ci ha fatto “UN GRAN REGALO” ha cancellato tutte le nostre speranze costruite in tutti questi anni.
    Il lavoro è una necessità per tanti giovani che intendono costruirsi un futuro.
    Si parla tanto di disoccupazione, creare posti di lavoro e … invece?????
    Ci sono tanti giovani che sono risultati idonei al concorso, molti dei quali laureati, pronti a sostenere la città di Napoli e invece sono stati cancellati con un colpo di spugna i loro sogni approvando la “legge di INstabilità”.
    Chiedo di porre, in qualche modo, rimedio a questa grave situazione.
    Grazie dell’attenzione e Buon anno (Spero che sia un buon nuovo anno anche per noi)
    Antonella D.M.

  2. signor ministro, nel mezzo di una crisi così grande, parlate tutti di tagli e mi sembra giusto, però c’è una cosa che non capisco e che fa male a me e a tanti altri costretti a stringere la cighia, ed è lo sperpero di soldi che si fa durante i periodi elettorali per pagare i cosiddetti straordinari degli impiegati comunali che, nei paesi piccoli come il mio,, nonostante facciano due rientri con rimborso di due buoni pasto settimanali, non hanno da lavorare tanto per aggiornare le liste degli elettori. E allora nel cantiere attuativo che prevede risparmi perché non vi occupate anche di questo spreco di denaro pubblico?

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome