sette saggi dell’antica Grecia erano tutti maschi: Talete di Mileto, Solone da Atene, Biante di Priene, Pittaco da Mitilene, Cleobulo da Lindo, Chilone di Sparta, Misone di Chene.

Solo un tantino di anni fa. Qualche piccolo secolo addietro.

Sette e tutti maschi.

Oggi siamo nel duemila, ma veramente pensavate di potere modificare il protocollo di questa provvidenziale saggezza salvatrice?

Ma che vi eravate messi in testa?! Gli antichi greci ne avevano sette? Bene, e noi ne abbiamo messi dieci. Che diamine, tre in più, e tutti rigorosamente maschi!

Al rogo le femmine stolte e tentatrici.

O forse potevamo essere da meno degli ateniesi? Noi? Noi che abbiamo l’orgoglio dei migliori allevamenti di stalloni latini dell’intero pianeta?

Io sono contenta e basta. E mi sento finalmente sicura e protetta!

Era ora.

Che fa, mi si vuole forse negare che sono state proprio le femmine in politica ad averci buttato in questa valle di lacrime?

E basta su, liberiamocene una volta per tutte ….

Via le donnacce….

Via le troie dal Parlamento …

Torniamo alla sana forza del fallo! L’ho sempre detto che aveva ragione lo zio Benito ….

. Come? Non ho sentito bene? Il fallo ci ha portato alla fossa?….

Ma che dite? Ma che calunnie sono queste?

Il nostro maschio italico-politico è stato un padre di famiglia perfetto.

Un uomo virtuoso, equilibrato, sobrio, cauto, coerente, risparmioso, lungimirante, onesto, razionale, lucido e rassicurante. E che volete di più?

Lo sanno anche le mattonelle che è stata tutta colpa delle femmine.

Il meno del meno che si potesse fare era lasciarle fuori dalla stanza dei bottoni ed evitare che continuassero a causare altri guai.

Dice che i Tribunali, gli Ospedali, gli Uffici Pubblici, le Scuole e le Università sono piene di donne più brave degli uomini?

Ma che c’entra ….

La politica è un’altra cosa. La politica è una cosa seria.

Mica la politica può essere gestita da una femmina che sia in grado di presiedere una Corte di Assise o di intervenire chirurgicamente su un cardiopatico?

Dice che la Presidente della Camera è una femmina?

Ma quella è un’altra cosa… è un ruolo di rappresentanza …. un compromesso partitico ….

Qui si parla di saggi. Lo capite, S-A-G-G-I-?

E’ una cosa seria. E perché, se no, si chiamerebbero saggi?

Sono i nostri Salvatori !!!!!!!!!!!!!!!!!

Ma che, siete lenti di comprendonio proprio come le femmine?

Va bè va… te lo spiego dopo …. per ora vatti a fare la tinta dal parrucchiere …

La verità è che era giusto così. Ammettiamolo. Le femmine si rimettano a fare la calzetta e vedrete che faranno meno danno.

Al massimo, se proprio non se ne può fare a meno, vediamo di fargli fare una danza del ventre per i nostri Saggi, che poverini già li vedo stanchi per quanto si spremeranno le meningi tutto il giorno.

Sveglia donne! Rilassatevi! Tranquille e tranquillizzate i vostri figli!

Sono arrivati i maschi e tutto andrà per il verso giusto.

Ave Cesare ………


2 COMMENTI

  1. Che palle con questo discorso inutile. Se è per questo fra i dieci saggi non c’erano neanche uno straniero (che si sa essere la categoria che ci salverà dal calo demografico visto che le italiane non fanno più figli ed è comunque, in onore al detto “no taxation without representation”, un gruppo che doveva essere rappresentato in un qualche livello politico), e neanche un invalido. Capisco benissimo che a una donna di queste due categorie interessi poco, per carità : ma comunque il continuo piangersi addosso non serve assolutamente a nulla, se non a irritare. Le due categorie summenzionate non si sono lamentate, le donne si. A quando qualcosa di più concreto oltre le lagne ?

  2. Gentile Avv. Bilardo,
    ma perchè prendersela tanto?
    Lei pensa, forse, che quei 10 “politici di lungo corso” siano davvero “saggi” io riterrei un onore la mancata inclusione di una Donna tra quei “saggi”!
    Mi auguro, di contro, che proprio una Donna sia il prossimo Premier: unica speranza di…saggezza ritrovata! Della quale (Saggezza ritrovata) mi sembra un bell’esempio il nuovo Presidente della Camera (mi “stona” Presidentessa: e non lo consideri “maschilismo”): anche se non ho votato la sua parte politica… la quale, del resto, è la stessa del neo-Presidente del Senato, che viceversa avrebbe “ben figurato” tra quei 10″saggi”…
    Come vede, non giudico in base a categorie precostituite. Parlare “femminismo” o di “maschilismo” ormai non ha senso. Si tratta di ritrovare la “Saggezza” vera: non quella ispirante la scelta di “quei 10”!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here