Rese finalmente ufficiali le quote definitive per la Cassa integrazione, Aspi e mini Aspi per il 2013. Le cifre sono contenute nell’ultima direttiva Inps in materia, classificata come circolare 14 del 30 gennaio 2013.

Le cifre erano particolarmente attese perché, a partire dal primo gennaio, è entrata ufficialmente in vigore la nuova Aspi – Assicurazione sociale per l’impiego – che sostituisce di fatto la vecchia indennità di disoccupazione e, in aggiunta, anche la mobilità.

Le due modalità di sostegno si rivolgono a platee diverse e hanno durate temporali differenti: nello specifico, vediamo come l’Aspi vada riferita a tutti quei lavoratori trovatisi in stato di disoccupazione dopo il primo gennaio 2013, con esclusione di dimissioni e risoluzione consensuale del contratto. Necessari, inoltre, almeno due anni di contributi versati e almeno uno nel biennio precedente il licenziamento.


Riguardo la mini Aspi, invece, essa coinvolge anche coloro che abbiano ricevuto il benservito prima dell’inizio del 2013, e riguarda tutti coloro che, licenziati, abbiano incamerato almeno 13 settimane di contributi nei 12 mesi antecedenti l’abbandono del posto di lavoro.

Per tutti i potenziali interessati, numerosissimi com’è ovvio, le quote definite dall’Inps ammontano rispettivamente a 1152,90 euro, sia per l’Aspi che per la mini Aspi, per tutto il 2013.

Questo, il lordo, che, poi, si tramuta in un netto pari a 1085,57 euro per i salari al di sopra dei 2075,21 euro. Per tutti coloro che si trovano al di sotto di tale limite, l’assicurazione versata ammonterà a 903,20 euro netti mensili.

A essere investiti delle misure saranno tutti i contratti di somministrazione di lavoro dipendente, con esclusione dei dipendenti pubblici, dei contratti stagionali e degli extracomunitari con permesso di soggiorno legato all’occupazione.

Va ricordato che, per l’Aspi, la durata prevista è di 8 mesi al di sotto dei 50 anni, per un anno intero per chi è più anziano: questo per la versione standard dell’ammortizzatore che, invece, nella sua versione “mini” durerà per un massimo di settimane pari alla metà di quelle riconosciute l’anno precedente il licenziamento.

E arriviamo alla Cassa integrazione che, così come la mobilità, viene stabilito per tutto il 2013 a 1152,90 euro mensili, che come sopra, diventano 1085,57 netti.

Leggi la circolare Inps integrale sulle somme di Aspi, mini Aspi e Cig


CONDIVIDI
Articolo precedenteLeggiOggi raddoppia anzi triplica
Articolo successivoElezioni politiche 2013, sondaggi: Lombardia e Sicilia, coalizioni pari

10 COMMENTI

  1. Salve ho lavorato dal 3/12/2010 all 21/7/2013 emi sono licinzato pero lavorato come aprendista ho il dirrito di aspi o no

  2. Salve.
    Fra un paio di gg dovrei iniziare un tirocinio di 6 mesi con rimborso spese… Solo che sto percependo la mini aspi! Vorrei sapere se la mini aspi l’andavo a perdere??
    Grazie.

  3. volevo chiedere se la riforma fornero ha variato gli anni di mobilità che spettano per chi viene licenziato..
    grazie

  4. ho percepito l aspi il 13 03 2013 devo aspettare ogni 13 del mese per i soldi o cambiano le date?ciao grazie

  5. Salve avrei una domanda, sto percependo la Aspi da un mese e ora dovrei iniziare un tirocinio di tre mesi con un rimborso spese, vorrei sapere se continueró comunque a percepire l’indennità.
    Grazie

  6. mini aspi.

    scusate se esclude i dipendenti pubblici, dei contratti stagionali, vorrei sapere a cosa serve questa riforma, ma soprattutto a cosa servono chi l’ha scritta.

    Ricordo che in tutti i paese europei tranne Noi e la Grecia è previsto il reddito di cittadinanza, per chi ha perso il lavoro dipendente o autonomo.

    I ns. politici ogni 27 del mese ricevono lo stipendio abbondante, gli altri posso anche fare la fame.

    Forse non si rendono conto che la gente è seriamente stanca.

  7. Ciao mi chiamo eric vorrei sapere nel anno 2012 ho lavorato 45 gironi a self avevo un contrato ogni quindici giorni motivo che non lavoro più termine contrato. Posso fare la domanda mini aspi grazie.

  8. scusate ma io giorno 31 gennaio 2013 mi è finito il secondo anno di contratto di lavoro a tempo determinato e non mi hanno rinnovato a malincuore il contratto….posso usufruire dell’ aspi? o mini aspi?
    grazie….

  9. avendo lavorato come apprendista dal 31 gennaio 2011 al 15 dicembre 2012 ed essendo stato in cassa integrazione in deroga dal 1agosto 2012 al 14 dicembre 2012. Vorrei sapere se mi aspetta la mini aspi 2012 anche per il periodo della cassa integrazione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here