Sembra stia per sciogliersi il nodo riguardante la questione esodati, ossia la controversia che riguarda tutti quei lavoratori che hanno negoziato la fuoriuscita dall’ azienda secondo le modalità dettate dalle vecchie regole pensionistiche e che ora rischiano di rimanere senza pensione e senza lavoro, oltre il danno anche la beffa. E’ stato risolto, infatti, l’ affaire degli interventi a vantaggio degli esodati nella Legge di Stabilità. I relatori hanno presentato un nuovo emendamento con una copertura sufficiente che è stata “certificata” dalla ragioneria e che contempla la deindicizzazione delle pensioni sei volte superiori al minimo.

Il nuovo meccanismo che è stato verificato stabilisce che siano usati gli eventuali risparmi dei 9 miliardi già erogati per dirimere la questione degli esodati, con una sorta di “autocopertura”. I possibili risparmi perverrebbero – secondo gli ultimi calcoli – da politiche attive volte al fine di reintrodurre sul posto di lavoro. Solamente nella circostanza nella quale i risparmi non fossero sufficienti ci si affiderebbe alla deindicizzazione delle pensioni più corpose, ossia quelle maggiori di 3.000 euro, recuperando così un capitale per coprire le possibili esigenze del 2014. Su questo punto, ad ogni modo, si farà un vertice per discutere su come agire solamente all’ inizio del prossimo anno.

Come dichiarato dal viceministro del Lavoro, Michel Martone, nell’ evenienza in cui, non fossero adeguate le riforme del fondo al momento a disposizione, verrà messa in atto dunque una clausola di copertura secondo la quale le risorse invece che ottenute dalla deindicizzazione delle pensioni il cui importo è sei volte superiore al minimo. “Il Governo è soddisfatto, è un importante passo avanti che arriva dopo un lavoro intenso”, ha spiegato Martone prima che iniziasse la seduta della Commissione Bilancio della Camera, aggiungendo che “è stato deciso di destinare tutte le risorse alla risoluzione dei casi specifici più difficili”.


Qui il testo dell’emendamento


CONDIVIDI
Articolo precedenteImu, come sapere in pochi secondi quanto pagare nel saldo finale
Articolo successivoInps, crescono le istanze di salvaguardia. Raggiunta l’intesa sugli esodati

1 COOMENTO

  1. E’ ora di dire BASTA !!! di toccare le pensioni, di qualunque importo esse siano, vogliamo capirlo che per la stragrande maggioranza sono il frutto del lavoro di una intera vita in particolare per il ceto medio. La solidarietà è tale se spontanea non obbligata ! Questi politicanti, Brunetta in testa, (ma tutti gli altri destra e sinistra sono la staessa cosa) mettano mano ai loro emolumenti e ai loro costi e soprattutto ai finanziamenti ai partiti che tutti ormai sappiamo come vengono utilizzati!!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here