Sei anni di reclusione. E’ al condanna inflitta dal giudice del tribunale dell’Aquila ai membri della Commissione Grandi rischi, che alla riunione del 31 marzo 2009, pochi giorni prima del devastante terremoto, avevano rassicurato gli aquilani circa l’improbabilità di una forte scossa sismica. L’accusa aveva chiesto la condanna a quattro anni. Il giudice Marco Billi ha ritenuto i sette membri della commissione tutti colpevoli di omicidio colposo plurimo e lesioni colpose. A Franco Barberi, Enzo Boschi, Mauro Dolce, Bernardo De Bernardinis, Giulio Selvaggi, Claudio Eva e Gianmichele Calvi sono state concesse le attenuanti generiche. I sette sono stati condannati anche all’interdizione perpetua dai pubblici uffici.


CONDIVIDI
Articolo precedenteProvince: a novembre arriva il decreto che cambia l’Italia per sempre
Articolo successivoIl ddl anticorruzione e la fiducia tradita…

2 COMMENTI

  1. Perche’ dimentichiamo i tecnici morti ad Assisi del 26 settembre 1997. Perche’ erano dentro la chiesa? Ero a Preci a pochi km dall’epicentro, ricordo ancora oggi la voce alla radio del prof. Barberi che poco prima della grande scossa di mezzogiorno tranquillizzava tutti, “dopo la scossa di questa notte vi saranno, probabilmente, solo scosse di assestamento …, non vi preoccupate” … come mai i tecnici vennero mandati a fare le verifiche gia’ in mattinata? Questa è scienza?

  2. […] sentenza pronunciata ieri dal Tribunale dell’Aquila è già passata alla storia (guarda il video del verdetto): per la prima volta un gruppo di esperti […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here