Si è aperta questa mattina alle 8 la sanatoria 2012 per gli immigrati clandestini.

Si dà così la possibilità, ai datori di lavoro, privati o imprese, che vogliono regolarizzare lavoratori stranieri extracomunitari, di non pagare alcuna sanzione per i contributi non versati. L’unico obbligo consisterà nel versare 1.000 euro tramite F24 e regolarizzare il lavoratore sul fronte retributivo, contributivo e delle ritenute fiscali (se dovute).

La stima dei lavoratori clandestini che potranno usufruire del provvedimento, secondo i dati del Ministero dell’Interno, si aggira intorno alle 380mila persone. Per accedere alla sanatoria basterà soltanto un computer; ma è consigliato farsi assistere da professionisti o patronati.


La possibilità di usufruire della sanatoria permarrà fino al 15 ottobre.

Per procede alla compilazione delle domande, è necessario registrarsi alla sezione dedicata del sito del Ministero dell’Interno.

Si ricorda che chi non approfitta della sanatoria rischia di incorrere nelle sanzioni per l’impiego di cittadini extracomunitari irregolari previste nel Dlgs 109/2012.

Consulta lo Speciale Sanatoria 2012 di LeggiOggi


CONDIVIDI
Articolo precedenteBullismo a scuola oggi, mobbing sul lavoro domani
Articolo successivoRiforma delle professioni, il Cnf ricorre al Tar Lazio

1 COOMENTO

  1. Come tutte le cose all’italiana: è poco chiaro nel caso di società datore di lavoro, se la soglia dei 30.000 euro è di reddito, (cioè guadagno per il datore di lavoro) o di fatturato (cioè totale annuo delle vendite)??!!
    La differenza è ovvia e notevole, un’azienda può anche fatturare un milione di euro e averne guadagnato solo 100.
    Se qualcuno mi delucidasse…..grazie in anticipo.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here