Mancano ormai pochi giorni all’apertura della finestra salva-clandestini. La sanatoria 2012 partirà infatti sabato 15 settembre e migliaia di immigrati fremono per uscire dalle nebbie dall’irregolarità per vedere riconosciuto il proprio status di lavoratori a norma di legge. Un obiettivo che, però, andrà raggiunto in sinergia coi datori di lavoro, i quali avranno anche l’interesse di non incorere in sanzioni per aver usufruito di manodopera presente in territorio italiano senza valido permesso.

Ora, il governo ha confermato, con qualche giorno di anticipo sui tempi annunciati, l’ufficialità dei codici da inserire nel modello F24 per inoltrare la domanda di regolarizzazione del lavoratore clandestino. Come previsto, i due codici, abbreviati nelle sigle “REDO” e “RESU“, distinguono, rispettivamente, se il lavoratore sia di tipo domestico o subordinato. Le disposizioni sono contenute nelal risoluzione 85/E dell’Agenzia delle Entrate.

Sulla corretta compilazione del modello F24, le indicazioni restano quelle di inserire nella sezione “Contribuente” i dati anagrafici e il codice fiscale del datore di lavoro, mentre su quella denominata “Erario e altro” andranno le informazioni relative a passaporto del lavoratore (massimo 17 cifre), l’anno lavorativo di riferimento e il relativo codice tributo.


Diverse anche le specifiche che andranno inserite per rientrare nei canoni di presentazione della domanda, tra cui quella di dimostrare, tramite documento sanitario o altro, la permanenza dell’extracomunitario non successiva sulal penisola italiana al 31 dicembre 2011. A questo proposito, per la corretta compilazione del modello, si rimanda all’apposita pagina del sito web dell’Agenzia delle Entrate, che dispone di tutte le informazioni necessarie a richiedere per i lavoratori clandestini il tanto sospirato permesso di soggiorno, oltre alla possibilità di download diretto del modello F24.

Leggi la risoluzione che ha ufficializzato i codici per la sanatoria 2012


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto sanità, il taglia e cuci di Balduzzi su salute e stili di vita
Articolo successivoUniversità, i test tra domande impossibili e minacce di ricorsi

6 COMMENTI

  1. […] Per costoro, sarà aperta in via del tutto eccezionale una nuova pagina di compilazione al sito https://nullaostalavoro.interno.it/, dove inserire i propri dati già compresi nel modello F24 utilizzato per il versamento. […]

  2. […] Sul fronte economico, ai datori di lavoro viene richiesta una tantum di mille euro a lavoratore, più la copertura dei contributi mensili non corrisposti. A seconda che il lavoratore sia subordinato o domestico, sono stati diramati dal Ministero dell’Interno codici differenti da apporre al modello F24.  […]

  3. Volevo sapere se di può mettere in regola una persona che ha lavorato in nero pero andava veniva avanti in dietro tra Albania Italia se qualcuno mo’ Sto arrivando! Fire

  4. […] in Italia almeno dal 31 dicembre 2011. Nelle scorse settimane sono stati resi noti i codici da apporre sul modello F24 in caso di lavoratori subordinati o domestici, oltre a tutte le specifiche pubblicate […]

  5. […] in Italia almeno dal 31 dicembre 2011. Nelle scorse settimane sono stati resi noti i codici da apporre sul modello F24 in caso di lavoratori subordinati o domestici, oltre a tutte le specifiche pubblicate […]

  6. […] tributo per permettere la precisa compilazione, da parte dei datori di lavoro, del modello “F24 Versamenti con elementi identificativi“, da usare nella procedura di emersione del lavoro irregolare; “REDO” per quanto […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here