Mediaset Premium multata di 120mila euro dall’Antitrust. Mentre il Consiglio di Stato ha annullato la numerazione dei canali in chiaro, anche per i canali criptati del digitale terrestre è arrivato un pronunciamento a sfavore. Oggetto della sanzione, una pubblicità andata in onda tra il mese di maggio e quello di settembre 2011, ritenuta dal Garante “ingannevole”.

Lo spot in questione, trasmesso sia in televisione che via radio, invitava potenziali clienti a testare quattro mesi in prova il pacchetto canali di Mediaset Premium, lasciando poi la facoltà di decidere se sottoscrivere il contratto di abbonamento oppure no. Una strategia che avrebbe potuto concedere all’azienda milanese, facente capo a Rti, di guadagnare nuovi contatti nel corso dell’estate, in previsione della successiva della stagione tv.

L’Antitrust, però, ha ravvisato nel comportamento di Mediaset Premium un comportamento scorretto, poiché nella sostanza agli utenti non veniva garantita completa libertà di decidere se abbonarsi o meno. I mesi di prova reclamizzati, infatti, erano vincolati all’entrata in vigore di un contratto di un anno al termine del periodo “test”, con tanto di obbligo di recesso.


Insomma, gli utenti più distratti, dopo aver usufruito della programmazione di Mediaset Premium in via gratuita, si sarebbero ritrovati la stipula di un anno di abbonamento, pur senza aver scelto di aderirvi. E’ per questo che l’Antitrust ha ravvisato come la pay tv nel caso specifico abbia fornito “informazioni non rispondenti al vero, ambigue, inesatte, fuorvianti o incomplete, omettendo di fornire loro informazioni rilevanti sulle caratteristiche e le condizioni economiche dei servizi televisivi a pagamento oggetto di promozione, così da indurli in errore e ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbero altrimenti preso”.

Ad aggravare la posizione di Premium, poi, sarebbero stati anche gli operatori di call center, che non avrebbero ottemperato agli obblighi di completa informazione, spingendo gli interlocutori verso l’offerta gratuita senza mettere in chiaro la postilla del contratto annuale a obbligo di recesso e, in alcuni casi, invitando anche a chiamare un numero a pagamento per contatti al servizio di assistenza.

In riferimento all’ultima sanzione, Rti, in vece di Mediaset Premium, potrà ricorrere al Tar, ma gli utenti già in base al pronunciamento dell’Antitrust possono chiedere il rimborso delle cifre addebitate per i contratti annuali tacitamente avviati in seguito al periodo di promozione gratuita. Non è la prima volta che Mediaset Premium finisce nel mirino dell’Antitrust: già nel 2011, infatti, la società era stata sanzionata di 200mila euro per le difficoltà riscontrate da alcuni utenti nelle disdette.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso scuola 2012. Posti, graduatorie, bandi: tutte le date e le cifre
Articolo successivoMedicina, Odontoiatria, Veterinaria, Architettura: al via i test d’ingresso

1 COOMENTO

  1. Salve,grazie x l’informazione che date,vorrei porvi una domanda e se posso agire con la legge.
    Abito a Villafranca tirrena dal mese di giugno siamo passati in digitale terrestre,premesso che prima quando eravamo in analogico vedevo tutti i canali mediaset premium senza disturbi come adesso che durante la giornata il segnale si vede x 10 minuti poi diventa tutto buio,l’antenna e condominiale e de messa bene senza che abbia un impedimento x ricevere il segnale,visto che ne capisco nel campo loro abbasono i db durante la giornata.
    Vi chiedo quale è la legge che possa richiedere il risarcimento dei mesi che non ho potuto vedere l’abbonamento che loro non hanno rispettato grazie.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here