Conto alla rovescia per la sanatoria 2012: il provvedimento atteso da oltre mezzo milione di immigrati clandestini è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore il prossimo 9 agosto. Il decreto legislativo  109/12 del 16 luglio, adotta una linea dura verso quei datori di lavoro che usufruiscono di prestazioni da parte di soggetti irregolari, i quali potranno, dunque, beneficiare del riconoscimento a partire dal 15 settembre, data in cui si aprirà l’accoglimento delle domande.

Il provvedimento è incluso nella norma transitoria approvata lo scorso 6 luglio, a recepimento della direttiva comunitaria numero 52 del 2009. Per regolarizzare i propri lavoratori clandestini, i datori di lavoro dovranno pagare un contributo forfettario di 1000 euro che, comunque, non eliminerà eventuali oneri fiscali non corrisposti. Saranno incluse nel processo di messa in regola le maestranze che siano in corso d’occupazione presso la società che avanza richiesta di normalizzazione da non meno di tre mesi, punto temporale a partire da cui i lavoratori dovranno versare anche gli eventuali contributi non saldati nei confronti dell’erario. Non solo: i lavoratori “invisibili” dovranno dimostrare di essere stabilmente in territorio italiano almeno dal 31 dicembre 2011.

Gli sportelli accoglieranno le domande per un mese, dunque entro il 15 ottobre, provviste delle rispettive dichiarazioni del lavoratore e del datore di lavoro, mentre, con l’entrata in vigore del provvedimento, vengono messi in stand-by tutti i procedimenti amministrativi e penali, pendenti su ciascuna delle parti in causa, subordinato o imprenditore che usufruisca di manodopera sprovvista di permesso di soggiorno. La sanatoria introdurrà anche un nuovo termine di deterrenza economica, che porta le sanzioni per i datori di lavoro recidivi, che non presenteranno domanda di messa in regola nell’intervallo individuato dalla nuova sanatoria, a ben 150000 euro.


Dal provvedimento saranno estromessi tutti i clandestini oggetto, in passato, di pratiche di espulsione, condannati o segnalati affinché la loro presenza fosse portata al di fuori dei confini territoriali dello Stato italiano.

Leggi il testo del decreto legislativo 109/12


CONDIVIDI
Articolo precedenteQuinto Conto Energia, aspetti normativi, tecnici e finanziari del dm 5 luglio 2012
Articolo successivoSpending review, si va verso fiducia su nuovo maxiemendamento

3 COMMENTI

  1. […] 15 settembre, sarà possibile mettere in regola, fino al 15 ottobre la posizione degli stranieri presenti irregolarmente sul suolo italiano. I datori di lavoro che hanno assunto immigrati […]

  2. […] il lavoratore è regolare e il somministratore non incorre in sanzioni di alcun genere.  Quasi una salva-processi del lavoro nero, che di fatto interviene senza punire chi ha sfruttato manodopera illegale sul luogo di […]

  3. […] misure sono l’anticamera della sanatoria che prenderà il via il 15 settembre, quando verranno aperte le liste per regolarizzare l’altra faccia della medaglia […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here