In una giornata in cui la sinistra non riesce a dimostrarsi palesemente favorevole ai matrimoni gay in Italia, crolla un altro mito, Berlusconi non è più l’unico che fa la guerra ai tribunali, gli fa compagnia il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano. E’ notizia di oggi, infatti, la volontà di Napolitano di affidare  all’avvocato generale dello Stato l’incarico di rappresentare la Presidenza della Repubblica nel giudizio per conflitto di attribuzione davanti alla Corte Costituzionale nei confronti della Procura della Repubblica di Palermo. Oggetto del ricorso, le decisioni che i pm hanno assunto sulle intercettazioni di conversazioni telefoniche del Presidente della Repubblica.

Sono in possesso della procura di Palermo alcune intercettazioni telefoniche avvenute fra Nicola Mancino,coinvolto nell’inchiesta sulla trattativa mafia-Stato e impegnato in un’azione di pressing sul Quirinale , e Giorgio Napolitano appunto. E’ di poco fa il comunicato stampa del Quirinale, a mezzo del quale viene resa manifesta la volontà del Presidente affinchè le intercettazioni vengano distrutte “ritenuto che, a norma dell’articolo 90 della Costituzione e dell’articolo 7 della legge 5 giugno 1989, n. 219 – salvi i casi di alto tradimento o attentato alla Costituzione e secondo il regime previsto dalle norme che disciplinano il procedimento di accusa – le intercettazioni di conversazioni cui partecipa il Presidente della Repubblica, ancorché indirette od occasionali, sono invece da considerarsi assolutamente vietate e non possono quindi essere in alcun modo valutate, utilizzate e trascritte e di esse il pubblico ministero deve immediatamente chiedere al giudice la distruzione”.

Non sembra però di questo avviso il procuratore della Repubblica Francesco Messineo, il quale sostiene che “non sono state violate le prerogative costituzionali del Capo dello Stato” aggiungendo inoltre che  “sono sereno le intercettazioni sono state occasionali e imprevedibili”. Gli fa eco il p.m. titolare dell’inchiesta Antonio Ingroia “Nessuna intercettazione è risultata rilevante su chi ha immunità”. Sembra, quindi, ci sia la volontà da parte della giustizia di garantire l’estraneità alla vicenda del Presidente della Repubblica e soprattutto di garantire che non siano state violate norme giuridiche nel procedimento d’inchiesta, eppure la richiesta del Quirinale rimane e la cosa è ormai in mano agli avvocati.


“Quei nastri devono essere distrutti”, sembrerebbe la battuta di un film di James Bond, e invece è solo la volontà del Capo dello Stato di dimostrare che non ha nulla a che spartire con un processo di ambito mafioso, perché come sosteneva Einaudi è “dovere del Presidente della Repubblica evitare si pongano, nel suo silenzio o nella inammissibile sua ignoranza dell’occorso, precedenti, grazie ai quali accada o sembri accadere che egli non trasmetta al suo successore immuni da qualsiasi incrinatura le facoltà che la Costituzione gli attribuisce”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteImu, aliquote al top. Per dicembre si prepara il rincaro
Articolo successivoLottizzazione abusiva e cambio di destinazione d’uso

4 COMMENTI

  1. […] di questo suo desiderio importante, ben prima che questo caso (l’inchiesta palermitana sulla trattativa Stato-mafia, ndr) manifestasse la sua potenzialità esplosiva”. Gli elementi che legano Ingroia al […]

  2. […] come notizia di cronaca all’ordine del giorno una definizione che da tempo non si udiva più, trattativa Stato – mafia. Una definizione che identifica un procedimento processuale che ormai accompagna la storia italiana […]

  3. […] teste, persona informata dei fatti. Il processo in questione è quello delicato e controverso sulla trattativa Stato – mafia che tenne banco nei primi anni 90, in cui le stragi di Cosa Nostra segnarono definitivamente lo […]

  4. ecco…siamo alla pantomima di regime: è tornato il “re Sole” : lui puo’ al di sopra della legge tutto!!
    ma se siamo in una Repubblica (delle banane) e in una repubblica il capo dello stato (delle banane) è IL cittadino, anzi il PRIMO CITTADINO….perchè dovrebbe esimersi dall’intercettazione?? a me se m’intercettano non frega nulla a nessuno ..ma sopratutto non ho commesso nulla.
    Stessa cosa vale anche per i controlli della G.d.F. che paura posso avere io che pago tutto e mi contano pure i peli del C…???
    La paura dei controlli secondo me ce l’hanno quei personaggi che hanno la coscienza sporca,sudicia e lercia di anni e anni di ruberie e impicci ecco la verità!!!!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here