Alle 17 convocato il Consiglio dei ministri: tra i punti all’ordine del giorno, anche il decreto della spending review, per quello che si preannuncia l’atto finale di un pacchetto di norme molto contestate. Accorpamento delle Province, blocco delle tariffe, esodati, stretta su consulenze e auto blu, tagli alla sanità e sospensione dell’aumento dell’Iva per il 2012: sono solo alcuni dei temi toccati dalla spending review. L’ammontare del risparmio per le casse pubbliche dovrebbe aggirarsi sui 6 miliardi di euro.

Leggi la bozza del decreto spending review 2012

La spending review arriva così in porto nei tempi previsti, nonostante le reazioni negative delle categorie coinvolte e gli unanimi pareri contrari delle organizzazioni sindacali. In attesa dell’approvazione definitiva, resta da vedere quali strategie vorranno adottare le parti sociali, che nei giorni scorsi hanno parlato apertamente di sciopero generale.  Dal risparmio contenuto nelle nuove norme, dovrebbero arrivare risorse necessarie a finanziare gli interventi più urgenti nelle zone emiliane colpite dal recente terremoto.


CONDIVIDI
Articolo precedenteSpending Review e la giustizia “rottamata”
Articolo successivoIVIE: chi, come e quando

3 COMMENTI

  1. Spending review “2″ (seconda fase; primo DL): LeggiOggi.it & CorSera, due bozze per il medesimo decreto « Le Amministrazioni provinciali della Repubblica Italiana: un pezzo di Patria da salvare.

    […] LeggiOggi.it – 5 luglio 2012 – In esclusiva il testo della spending review. Alle 17 il Cdm decisivo […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here