Ieri il Presidente del Consiglio Mario Monti, parlando alla Camera dei Deputati, aveva richiesto il sostegno del Parlamento al Governo in vista del “difficilissimo” Vertice di Bruxelles di domani e dopodomani. Oggi Partito Democratico, Unione di Centro e Futuro e Libertà hanno presentato alla Camera dei Deputati una mozione di fiducia comune a sostegno dell’operato di Monti in Europa.

Tra i principali punti contenuti nella mozione rientrano le richieste di cui l’Italia si farà portavoce in sede di Consiglio Ue:

1)    sì al Piano europeo per la crescita che prevede lo stanziamento di circa 130 miliardi di euro (l’1% del Pil dell’Unione);


2)    sostegno all’introduzione della Tobin Tax, la tassa sulle transazioni finanziarie;

3)    costituzione dello “scudo anti-spread impiegando i capitali dell’Efsf, che presto verrà sostituito dal Mes (Meccanismo europeo di stabilità);

4)    previsione di forme per l’avvio di una mutualizzazione del debito europeo.

Su tutti i punti ci sarebbe (il condizionale è d’obbligo) comunanza di vedute tra i principali Paesi membri, eccettuato sul quarto che vede l’aperta ostilità della Germania (giusto ieri l’ultima pesante chiusura del Cancelliere Merkel in merito: “Mai condivisione del debito finché vivrò”).

La mozione non è stata sottoscritta dal Popolo delle Libertà perché in questo momento, stando alle parole di Fabrizio Cicchitto, “non aiuta il Governo”. Tuttavia, il capogruppo del PdL alla Camera ha detto che il suo partito è disposto a votarla “per senso di responsabilità.

La decisione del PdL è stata definita “incomprensibile” dai tre gruppi parlamentari (PD, UdC e FLI) che hanno presentato la mozione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa riforma del lavoro è legge. Il dossier
Articolo successivoCorte Europea Diritti Umani, Slovenia condannata per i “cancellati”

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here