Prende quota in Senato la riforma dell’art. 56 della Costituzione.

L’aula di Palazzo Madama ha infatti approvato quasi all’unanimità il primo articolo del ddl costituzionale che taglia il numero dei parlamentari. Con 212 sì, 11 no e 27 astenuti, i senatori hanno detto sì alla riduzione del numero dei deputati dagli attuali 630 a 508. Approvata anche la modifica dei requisiti anagrafici per l’elettorato passivo. La nuova norma prevede che siano eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno delle elezioni abbiano compiuto i 21 anni di età, invece degli attuali 25. La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, si effettua dividendo per cinquecento il numero degli abitanti della Repubblica (in base all’ultimo censimento) e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione.

L’articolo due del testo per la riforma costituzionale sarà invece esaminato a Palazzo Madama nella giornata di mercoledì e inciderà sulla riduzione del numero dei senatori.


Qui il testo approvato dal Senato e Costituzione vigente (testo a fronte)


CONDIVIDI
Articolo precedenteSe la benzina cala, luce e gas si alzano: a luglio bollette più care
Articolo successivoVendita on line farmaci, l’Antitrust blocca due siti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here