Euro dolce euro. Opta per restare in Europa, la Grecia, con tanto di rialzo dei mercati e sospiro di sollievo per tutti quelli che temevano l’inizio di un effetto domino molto pericoloso, se nel paese ellenico avesse vinto la sinistra radicale, che spingeva per ridiscutere i termini dei finanziamenti minacciando l’uscita dall’euro. E invece a prevalere, con oltre il 30% dei voti, è stata la destra di Nea Dimokratia, neo-conservatori il cui leader, Antonis Samaras, oggi riceverà l’incarico di formare un governo dal presidente Karolos Papoulias.

Il partito di sinistra radicale Syriza si è attestato a poco più del 26%, mentre i socialisti del Pasok hanno ottenuto circa 12%. Nea Dimokratia e Pasok, quindi, hanno assieme la maggioranza per governare, avendo complessivamente oltre 160 seggi sui 300 totali del Parlamento: quanto basta per formare un esecutivo pro-salvataggio e soprattutto favorevole alla permanenza del Paese ellenico nell’euro. Resta comunque un risultato eccezionale quello ottenuto dalla sinistra radicale, così come in Parlamento entrerà il gruppo neo-nazista di Alba Dorata che avrebbe ottenuto circa il 7%, con 10 seggi conquistati.

“Il Paese ha scelto l’euro al quale rimarrà ancorato – ha esultato Samaras nella conferenza stampa post-risultati – e questa è una vittoria per tutta l’Europa”. Di fatto, l’esito delle elezioni greche rappresenta uno spartiacque sia per la Grecia che per il Vecchio Continente: si trattava di scegliere tra “il rispetto degli impegni”, per dirlo con Angela Merkel, o la rinegoziazione dei termini del prestito di salvataggio che ha comportato l’imposizione di severe misure di austerity. La strada resta in salita, ma ad Atene, da oggi, sembrano tutti più rilassati.


CONDIVIDI
Articolo precedenteI tagli dei costi della politica? Devono essere fatti!
Articolo successivoE’ il giorno dell’IMU: oggi ultimo giorno utile per il pagamento. E la Lega insorge

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here