Basta scorte della Polizia stile ‘trasporto valori’ e buste sigillate. Basta col rischio furto o pre-visione, basta apertura delle suddette buste con dentro, ovviamente, le tracce delle prove scritte degli esami di maturità – al via fra l’altro il prossimo 20 giugno – di fronte agli impauriti studenti. Dal 2012, il tutto sarà telematico, e le prove saranno scaricate da ogni scuola solamente la mattina stessa dell’esame. Si tratta di “un plico informatico che potrà essere aperto soltanto con una chiave elettronica il giorno della prova in modo ufficiale. Si tratta di un processo di modernizzazione profonda del Paese e sono certo che abbiamo la maturità per farlo”, lo ha presentato così Francesco Profumo, Ministro dell’Istruzione.

Superata la barriera del gap tecnologico di molte scuole italiane non attrezzate sia per il download dei file sia, più banalmente, per la riproduzione cartacea (stampante o fotocopiatrice) delle prove da consegnare agli studenti tramite prove specifiche eseguite in 4.500 Istituti (“solo in cinque ci sono state delle difficoltà”, sottolinea Profumo), il Ministero non ha lasciato nulla al caso – così pare, almeno – approntando anche un dettagliato Piano B. Che prevede, per ogni ufficio scolastico regionale, la dispensa di un plico telematico di scorta con tutte le prove per le varie tipologia di scuole della regione, da attuare se e solo se i presidenti di commissione non fossero in grado di estrarre e stampare le prove contenute nel plico telematico.

Ma passiamo alla procedura del Piano A che, comunque, non sembra proprio semplicissima da eseguire, almeno considerando la concitazione che di solito c’è la mattina delle prove. Un definito docente (con basilari competenze informatiche) dovrà scaricare, tramite primo codice di accesso, una seconda password (chiave ministero) messo in rete pochi minuti prima dell’inizio delle prove, di modo da impedire ogni pirateria o anticipata lettura. Di seguito avverrà la stampa dei due codici e la consegna al presidente di Commissione coi quali verranno stampate le prove di esame. Più facile passare l’esame che riceverlo? Staremo a vedere…


CONDIVIDI
Articolo precedenteL’importanza dell’inadempimento nella risoluzione del contratto
Articolo successivoCassazione, non è ammesso il copia e incolla esagerato tra Gip e Pm

3 COMMENTI

  1. […] abbia portato fortuna il plico telematico, alla scuola italiana? Di sicuro la modernizzazione del sistema d’esame è stata promossa, in […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here