Ancora decine e decine di scosse di assestamento, nella notte appena trascorsa. La pianura-emiliano lombarda colpita dal terribile sisma di questi giorni continua ad essere sotto choc, visto che nel suo epicentro, tra Modena, Mirandola e Cavezzo, sono venuti letteralmente giù case e capannoni aziendali e che il bilancio del terremoto è salito a 16 morti, un disperso e 350 feriti.
Mario Monti ha fissato per oggi una riunione d’emergenza del Consiglio dei Ministri, alla quale parteciperanno il prefetto Gabrielli e i maggiori rappresentanti emiliano-romagnoli.
Ed è nell’ottica degli interventi urgenti da effettuare nelle zone colpite, che ci si attende un decreto ad hoc, e immediato, pronto a definire il piano d’azione.
La Giunta regionale, su proposta del presidente Vasco Errani, ha definito ieri pomeriggio i punti fondamentali per mettere in sicurezza il territorio, avviare la ricostruzione e far ripartire le imprese ed il lavoro nei territori colpiti dal sisma.
Nel dettaglio, la Regione chiede al Governo di prevedere, come primo provvedimento, la sospensione delle imposte, dei tributi e dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria per i cittadini e le imprese (industria, agricoltura, artigianato, commercio e turismo) delle zone colpite dal terremoto.
Sul versante delle imprese e per favorire la ripresa delle attività si chiede, inoltre, il riconoscimento degli ammortizzatori sociali ordinari e in deroga; la disponibilità delle garanzie offerte dal fondo centrale per favorirne la liquidità a breve e la disponibilità di finanziamenti a lungo termine, e un fondo di risorse dedicato a tasso zero per gli interventi di ricostruzione, ripristino e messa a punto dei beni danneggiati.
Secondo la Giunta regionale dell’Emilia-Romagna, inoltre, sono necessarie nell’immediato la proroga sia degli sfratti sia dei termini per l’ultimazione degli impianti fotovoltaici e di energia rinnovabile; la sospensione dei pagamenti delle rate di tutti i mutui e finanziamenti e l’esclusione dal patto di stabilità degli enti locali colpiti, nonché delle scadenze dei progetti previsti da provvedimenti nazionali, come quello sui distretti produttivi.


CONDIVIDI
Articolo precedenteL’Antitrust condanna Utet per pratiche commerciali scorrette
Articolo successivoLe donne sanno riconoscere la G? A proposito di borse, scarpe (e null’altro)

2 COMMENTI

  1. Buon giorno, sono di Mirandola Comune colpito gravemente dal sisma, e credo che i nostri politici invece di aumentare la benzina a tutta Italia, non gli passa per il cervello almeno di mettersi le mani in tasca-nelle loro tasche-almeno una volta e dare un segnale di tipo economico alle popolazioni terremotate.
    Sarebbe un bel gesto di solidarieta, invece di esprimere solo a parole la loro “solidarieta verbale” che attualmente non ci serve.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here