L’ Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha condannato la casa editrice Utet, facente parte del gruppo editoriale De Agostini, a una multa di 100.000 euro per aver tenuto «almeno da gennaio 2009 comportamenti scorretti nel promuovere la vendita a domicilio di opere di pregio, ovvero riproduzioni pregiate di testi antichi, realizzate in concomitanza di particolari eventi storici, culturali o artistici».

Nel mirino dell’Antitrust, la possibilità che la Utet prospettava, anche tramite il sito internet, di ricevere in «regalo», «senza alcun impegno» particolari pubblicazioni. Per l’ Autorità garante del mercato, la consegna dei volumi sarebbe avvenuta soltanto in occasione della loro presentazione diretta presso il domicilio o il luogo di lavoro dei consumatori.

Qui il testo ufficiale del provvedimento n. 23551, con l’iter dell’istruttoria


CONDIVIDI
Articolo precedenteDDl anticorruzione tra codice per impiegati ed emendamenti
Articolo successivoTerremoto, oggi il piano d’azione: l’Emilia Romagna chiede aiuti e contributi

7 COMMENTI

  1. Certo che distruggere di fatto un nome prestigioso come UTET con oltre 200 anni di storia in pochi anni, mettendo noi clienti nelle mani di venditori senza alcuno scrupolo ci vuole un bel coraggio.
    Ora che leggo che UTET è stata venduta di fatto a FMR Art’è con cui ho avuto in passato solo problemi, mi fa capire tante cose.
    Tra l’altro ho letto un articolo sul Corriere della Sera in cui la titolare di FMR Art’è piuttosto che regalare i 300 mila titoli UTET e pagarci le tasse, piuttosto le brucerà.
    Dalla padella alla brace!

  2. […] l’organo che vigila sul rispetto delle norme giuridiche poste a tutela della concorrenza sui mercati economici, ha multato due società piuttosto note, Hero e Zuegg, che dovranno cambiare le etichette dei […]

  3. La UTET non meritava questa fine. La sua gloriosa storia, pur nella terribile crisi globale e particola del momento, meritava una soluzione ” in continuità” con la linea editorisle che la caratteruzziva., e non una ” rottura” come leggo il passaggio tout court al pregio e all’arte. Sono un affezionato cliente della UTET ma proprio non sono riuscito a digerire le ultime novità di un catalogo dove l’immagine , il pregio e il concetto di lusso o esclusività hanno sacrificato il senso nobile della cultura, come storia del pensiero dell’ umanità

  4. Ho letto di analoga multa per la FMR Arte 400.000 euro. Certo FMR Arte sono i maestri e non è un caso che la UTET sia diretta da un personaggio che viene proprio da Arte e forse ha portato in UTET le formidabili esperienze a qui siete in Arte, portando tra l’altro in UTET di validi istruttori ex Arte.

  5. sono d’accordo con Jehannot e aggiungo che come al solito la Utet tendera di scaricare tutto sugli agenti di vendita e sul loro comportamento trascurando il fatto che è sempre dalla Direzione e dal marketing che partono gli input e che gli agenti vengono continuamente pressati solo per risultati in mancanza dei quali vengono “scaricati”.

  6. Utet: il destino infelice di un’azienda seria finita nelle grinfie di avventurieri privi di scrupoli, che l’hanno smembrata e ridotta ai minimi termini, devastandone e snaturandone il catalogo. Un’altra brutta storia ascrivibile alla parte peggiore dell’imprenditoria italiana.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here