Il Garante per la protezione dei dati personali, per facilitare l’attività di aggiornamento e innovazione di imprenditori e amministratori pubblici, ha deciso di realizzare una “mini guida” intitolata “CLOUD COMPUTING – Proteggere i dati per non cadere dalle nuvole”, pensata non solo per gli esperti del settore, ma anche per coloro che sono interessati alla comprensione e alla potenziale adozione di queste nuove tecnologie. Prima di esternalizzare la gestione di dati e documenti o adottare nuovi modelli organizzativi è infatti necessario porsi alcune domande, scegliendo con cura la soluzione più sicura per le attività istituzionali o per il proprio business.

Qui è possibile consultare la guida del Garante Privacy sul Cloud Computing


CONDIVIDI
Articolo precedenteSquinzi: l’Europa agisca per riattivare la crescita
Articolo successivoEquitalia, condanna su condanna

2 COMMENTI

  1. […] futuro i professionisti potranno contare su tecnologie come il cloud computing per semplificare le loro attività ordinarie e sui vantaggi derivanti dalla dematerializzazione e […]

  2. […] futuro i professionisti potranno contare su tecnologie come il cloud computing per semplificare le loro attività ordinarie e sui vantaggi derivanti dalla dematerializzazione e […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here