Intervistato da SkyTG24, il Ministro dell’ambiente Corrado Clini viene in sostegno della collega Elsa Fornero sul delicato tavolo (aperto insieme al Ministro della funzione pubblica, Patroni Griffi) dell’estensione della riforma del mercato del lavoro al settore del pubblico impiego, in particolare per quanto riguarda i licenziamenti. Premesso che il modello dell’amministrazione pubblica italiana (così come il modello industriale) è risalente in gran parte agli ’60 e ’70 del secolo scorso e, per questo, non più in sintonia con le nuove sfide di competitività ed efficienza imposte dalla globalizzazione, Clini ritiene opportuno immaginare “anche nella Amministrazione Pubblica la facilitazione di un ricambio, fare in modo che entrino giovani, trovando le soluzioni migliori per quelli che devono uscire”.

È probabile che già questa settimana si avranno sviluppi per quanto riguarda la legge delega di armonizzazione nel trattamento tra dipendenti pubblici e privati, nella direzione di una maggiore flessibilità (sia in entrata che in uscita) anche nel mondo, finora a sé stante, della Pubblica Amministrazione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDipendenti pubblici, vincitori di concorso o di lotteria?
Articolo successivoLa necessità delle motivazioni nel rapporto di lavoro a tempo determinato

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here