E’ stato attivato qualche giorno fa il Portale dei Servizi Telematici (di cui all’art. 6 del DM 44/2011) del Ministero della Giustizia.

I servizi resi disponibili sono raggruppati in due sezioni; una prima ad accesso libero che racchiude i servizi disponibili per tutti i cittadini (senza necessità di identificazione) ed una seconda ad accesso riservato per i soggetti abilitati esterni. Per entrare in questa seconda sezione “riservata” è necessario procedere all’identificazione informatica tramite Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o Carta di Identità Elettronica (CIE), ovvero con Carta Multiservizi Giustizia (carta modello AT), secondo quanto stabilito nel DM 44/2011 e nelle specifiche tecniche diramate il 18 luglio 2011.

I servizi “riservati” comprendono: la consultazione dei registri, l’accesso al Registro Generale degli Indirizzi Elettronici, l’applicazione per i pagamenti telematici.


I servizi ad accesso libero comprendono: informazioni sui servizi telematici attivi presso gli Uffici Giudiziari, l’elenco pubblico dei punti di accesso, la consultazione pubblica dei registri (con visualizzazione in forma anonima), il portale delle procedure concorsuali.


CONDIVIDI
Articolo precedenteGenitori separati, l’adolescente ha diritto di scegliere con chi dei due vivere
Articolo successivoUna difficoltà per ogni soluzione

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here