Non ce la fanno, i giudici di pace non resistono, direbbe Bukowski.

Nei giorni scorsi la Commissione Giustizia della Camera ha iniziato l’esame dello schema del decreto legislativo del Governo che dovrebbe porre in essere un brusco taglio ai giudici di pace e che accorperebbe 674 uffici. Primi effetti dello spending review, che oltre ad una generale razionalizzazione degli assetti territoriali, mira ad ottenere un rilevante risparmio di spesa.

Subito dopo è previsto l’esame del provvedimento sulla revisione delle circoscrizioni territoriali dei tribunali, intorno al quale si è già levata una forte opposizione da parte degli addetti ai lavori.


Le «resistenze locali» sono «per molti versi comprensibili», ha detto il Ministro della Giustizia Severino nel corso di un’audizione al CSM. «Non possiamo farci condizionare», spiega il ministro, che sulla riduzione dei tribunali auspica «di trovare il pieno appoggio» dell’organo di autogoverno della magistratura, che dovrà anche esprimere un parere sulla bozza di riforma.

Qui la bozza del d.lgs.

Qui la relazione illustrativa

Schema uffici soppressi

Schema sedi accorpate

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto “commissioni bancarie”, posta la fiducia
Articolo successivoRiforma del welfare, più assistenza ai redditi bassi

1 COOMENTO

  1. FINALMENTE QUESTI UFFICI VENGONO CHIUSI, COME SI PUO’ SPERARE CHE FUNZIONINO SENZA PERSONALE, SPERO PRESTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here