E’ convocato a Palazzo Chigi per questo pomeriggio alle 17:30 il Consiglio dei Ministri.

Tra i punti all’ordine del giorno, rileva l’esame del disegno di legge “Delega al Governo in materia di revisione del sistema fiscale”.

Dalla relazione che accompagna la bozza della delega fiscale, si evince che non ci sarà alcuna eventuale soppressione dell’Irap, dal momento che, nell’ipotesi inversa, si aprirebbe un problema molto serio di reperimento delle entrate alternative.


Inoltre, ai sensi dell’art. 1 della bozza del ddl, il Governo ha nove mesi di tempo a partire dall’approvazione della delega per varare i decreti attuativi.

Ancora, secondo l’articolo 5 della bozza, “il gettito conseguente alla riduzione dell’evasione” confluirà in “un apposito fondo strutturale, destinato a finanziare sgravi fiscali“.

All’art. 3 del provvedimento si prevede invece l’istituzione presso l’Istat di “una commissione indipendente” per misurare e monitorare l’evasione fiscale, che vedrà la partecipazione dell’amministrazione finanziaria e di altre amministrazioni pubbliche. Lo prevede l’articolo 3 della bozza.

La delega prevede anche la possibilità di “eliminare, ridurre o riformare” le spese fiscali “che appaiono in tutto o in parte ingiustificate o superate alla luce delle esigenze sociali o economiche o che costituiscono una duplicazione”.

E’ prevista anche l’inserimento di una norma sulla definizione dell’abuso di diritto, che sarà unificata a quella dell’elusione e pertanto sarà applicabile a tutti i tributi.

 Qui il testo integrale del disegno di legge “DELEGA RECANTE DISPOSIZIONI PER LA REVISIONE DEL SISTEMA FISCALE”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteCarta delle autonomie: il senato ha ripreso l’esame della riforma
Articolo successivoLa trappola delle leggi. Molte, oscure, complicate

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here