Il beauty contest verrà azzerato“.

E’ quanto affermato dal Ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera, ponendo fine, a questo punto in maniera pressoché definitiva, alla concessione gratuita delle frequenze televisive nei confronti di Mediaset e degli altri network televisivi.

Dunque quattro mesi dopo la diffida di annullamento in autotutela del bando di gara promossa dall’associazione di consumatori Altroconsumo e FEMI (Federazione Media Digitali Indipendenti), e nove giorni prima della scadenze stabilita per la “pausa di riflessione” sulla questione, il Ministro Passera annuncia la vendita pubblica delle frequenza, e precisa che il bene complessivo verrà comunque spacchettato.


La prossima asta – spiega Passera – sarà fatta di pacchetti di frequenze con durate verosimilmente diverse“.

Tuttavia la decisione del governo sarà ora rimessa al vaglio della commissione europea, e dovrà anche bypassare l’esame dei partiti di maggioranza, nonché il delicato nodo del rinnovo dei vertici della Rai. I tempi e le modalità dell’asta saranno poi rimessi all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl diritto alla memoria, tra privacy e oblio
Articolo successivoRiforma del lavoro, inizia l’iter in Senato

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here