Da oggi è in vigore la nuova procedura per la risoluzione delle controversie di valore fino a 20mila euro, relative ad atti dell’Agenzia delle Entrate, applicabile per tutti gli atti ricevuti dal contribuente dalla data odierna, indipendentemente dalla data di avvenuta spedizione

L’istituto della mediazione tributaria è stato introdotto dall’articolo 39, comma 9, del Dl 98/2011 che ha inserito nel Dlgs 546/1992 l’articolo 17-bis, intitolato “Il reclamo e la mediazione”. Con la recentissima circolare n. 9/E, l’Agenzia delle entrate ha fornito i primi chiarimenti sull’ambito di applicazione e sul coordinamento del nuovo istituto con i numerosi strumenti deflattivi del contenzioso già presenti nell’ordinamento tributario.

Il nuovo istituto sarebbe diretto ad alleggerire il lavoro delle Commissioni tributarie che potranno dedicare più attenzione alle cause di maggior valore. Secondo l’Agenzia, il nuovo istituto apporterebbe vantaggi anche per il contribuente che otterrebbe decisioni su richieste di annullamento, rimborso e rideterminazione in sede di mediazione in tempi più brevi e certi


CONDIVIDI
Articolo precedenteLavoro, sugli esodati è scontro tra Fornero e Polillo
Articolo successivoTubercolosi al Gemelli, il Consiglio di Stato si schiera con il Policlinico

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here