Non volevamo annoiarvi con un articolo autocelebrativo e pieno di inutili numeri, ma poi abbiamo deciso di farlo lo stesso! Per cui:

In un anno di Leggi Oggi 1.300 articoli pubblicati e 6.000 commenti dei lettori (eh si, siamo stati invasi dallo spam ma non lo avete visto – speriamo).

Diritto amministrativo, nuove tecnologie, l’esercizio della professione, diritto civile e tributario: questi gli argomenti dei quali si è scritto maggiormente;


Due iniziative rilevanti quali la raccolta firme per il No al Contributo Unificato e la chiamata all’azione appena partita per costruire L’Italia che vorremmo, 1 quaderno online completamente dedicato al diritto delle nuove tecnologie e la preparazione delle novità per gli iscritti dal 2012 (a proposito abbiamo aperto le iscrizioni il 3 febbraio, e siete già 90, grazie). Si è fatto tanto ma si farà ancora di più.

In un anno di Leggi Oggi due milioni di visitatori unici per un totale di 5.120.000 visualizzazioni di pagina. Il 70% di visitatori sono nuovi visitatori che raggiungono Leggi Oggi attraverso i motori di ricerca o i social, a dimostrazione di quale sia la bontà dei contenuti, anche Google ci premia portando sempre più spesso in evidenza le nostre notizie su Google News – il canale di informazione di Google – e spingendo i nostri articoli sempre ai primi posti nei risultati di ricerca.

Ma Leggi Oggi, seppur senza fare troppo rumore, ha avuto e ha tutt’ora una crescita costante sui Social Network, esclusi i motori di ricerca, il 60% delle nuove visite arrivano da Facebook dove la pagina del quotidiano ha raggiunto quota 2.800 Mi Piace, mentre i tweet della pagina Twitter informano quotidianamente oltre 700 interessati.

Interessati… Ma a cosa? Nell’anno che si conclude tra poco la Manovra Monti è leader indiscusso, complice le pubblicazioni esclusive dei testi durante tutto il loro iter di discussione e approvazione, quasi il 3% dei visitatori si è concentrato sul testo pubblicato in anteprima il 5 dicembre. Chi arriva dai motori di ricerca raggiunge LeggiOggi.it cercando i decreti o direttamente le novità che questi portano.

Il lettore medio di Leggi Oggi è italiano (anche inglesi e tedeschi sono particolarmente interessati alle nostre pagine) e lavora in una grande città (Roma, Milano, Napoli e Torino le più rilevanti) informandosi per lo più a metà mattinata (intorno alle ore 10.00) e metà pomeriggio (intorno alle 17.00).

Ci auguriamo un anno ancora migliore, ma sopratutto per voi lettori, possiamo dirlo? Le novità del 2012 saranno tutte vostre!


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorrenza, il diritto dell’Ue non fa venire meno le regole interne degli Stati membri
Articolo successivoCaso Ruby, la Consulta respinge il ricorso della Camera

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here