Durissimo il Codacons contro le Regioni, come la Toscana, il Piemonte, e in queste ore anche il Veneto e la Puglia, che hanno deciso di ostacolare la liberalizzazione degli orari e dell’apertura dei negozi annunciando il ricorso in Corte Costituzionale.

I Governatori che decideranno di ricorrere alla Corte Costituzionale contro l’articolo 31 della manovra Monti sulla “promozione e la tutela della concorrenza’, verranno denunciati all’Antitrust, e nei loro confronti sarà chiesta una sanzione salatissima in relazione ai danni alla concorrenza prodotti“– si legge in un comunicato dell’associazione.

Opporsi ad un provvedimento che i consumatori chiedono da 20 anni è assurdo e dannoso, perchè liberalizzare il commercio vuol dire salvare migliaia di negozianti dalla bancarotta, far riprendere l’economia nazionale e offrire maggiori possibilità ai cittadini“.

Il Codacons – che interverrà dinanzi la Corte Costituzionale a tutela dell’articolo 31 della manovra – ricorda che le mancate liberalizzazioni nel settore del commercio costano complessivamente ai cittadini ben 8 miliardi di euro: 5,5 miliardi a causa del ritardo nel commercio al dettaglio alimentare, e 2,5 miliardi per il commercio al dettaglio non alimentare. Ostacolare quindi un incremento della concorrenza in Italia è un atteggiamento deplorevole che dimostra come l’interesse dei cittadini non sia mai in cima alle priorità della nostra classe politica.


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here