Il Consiglio di Presidenza del Senato, presieduto dal Presidente Renato Schifani, ha deliberato all’unanimità il superamento, a partire dalla prossima legislatura per i nuovi eletti, dell’attuale sistema degli assegni vitalizi. Lo ha comunicato Palazzo Madama con una nota.

Il nuovo sistema non toccherà però i senatori  in carica o gli ex perché, così hanno spiegato da Palazzo Madama, non si può incidere sui diritti acquisiti. Il testo era già stato approvato il 21 luglio scorso.

A breve prenderà il via lo studio per la definizione di un nuovo sistema pensionistico, forse unico per senatori e deputati, tra le ipotesi in circolazione il passaggio al sistema contributivo o una rendita assicurativa.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa legge sulla responsabilità civile dei magistrati è contraria al diritto dell’UE
Articolo successivoIl Presidente Napolitano torna sulla riforma della giustizia

2 COMMENTI

  1. La cosa mi sembrerà equa se anche le prossime modifiche alle pensioni dei lavoratori dipendenti entreranno in vigore solo per i nuovi assunti (assunti dal 01/01/2012) .
    Se così non sarà possono solo vergognarsi di questa delibera.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here